Sampdoria: Bruno Fernandes, o pequeno mago diventato titolare

276

Bruno Miguel Borges Fernandes, portoghese talentuoso, è uno dei simboli di questa “nuova” Samp. Il suo impiego, auspicato dai tifosi, è diventato realtà. Non è casuale che i blucerchiati siano tornati a fare, non solo, risultati ma anche ottime prestazioni col suo inserimento.

Infatti il classe ’94 ha, prima, segnato il momentaneo pari a Cagliari e, poi, salvato la Sampdoria da una pesante sconfitta con il Palermo, grazie ad un’autentica prodezza. Oltre che fare la differenza nella partita più complicata, il Derby.

Bravo Giampaolo a comprendere che R.Alvarez non stava rendendo secondo le aspettative e bravo lui stesso a meritarsi questa chance e ad approfittarne al meglio. Infatti Bruno Fernandes ha soffiato il posto, è proprio il caso di dirlo, all’argentino. Arrivato quest’estate, in prestito con obbligo di riscatto, come sostituto naturale di Soriano è stato uno dei tasselli più importanti della campagna acquisti.

Un trequartista, adattabile anche mezzala di qualità, che come l’ex n°21 ha sempre palesato un po’ di discontinuità durante la carriera. Ma ha, comunque, lasciato intravedere, sin dai suoi inizi al Novara, tutte le sue innumerevoli qualità. Giocatore mobile, esemplare il movimento in occasione del primo gol al Genoa, con grande qualità ed inventiva, lesto e discretamente veloce. Inoltre riesce a rifornire molto bene gli attaccanti riuscendo a leggere i movimenti dei compagni. Insomma un giocatore apparentemente completo che, al momento nelle tre partite giocate da titolare, ha fatto benissimo. Oltre che risultare uno dei giocatori decisivi in questo ciclo di ferro.

Un piccolo mago, verrebbe da definirlo, in grado di tirar fuori dal cilindro magie come quella, meravigliosa, al Palermo.

173731695-ff13b400-e82f-4fc0-a037-34c42dc1457e

Ma anche autore di giocate di qualità che potrebbero farlo diventare un giocatore completo, anche superiore a Soriano.

Auguriamoci che possa continuare cosi, poiché la continuità è necessaria per poter rendere al meglio. E poi con un maestro come Giampaolo può solo che migliorare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.