Parma – Un gol della Madonna risveglia i crociati

277
Parma Calcio 1913

Südtirol – Parma 0-1

Una settimana di duro lavoro, una settimana in cui è stato presentato il nuovo allenatore Roberto d’Aversa ed il nuovo direttore sportivo Daniele Faggiano, una settimana in cui i crociati sono dovuti ripartire praticamente da zero. Azzerare le incertezze, conoscere e mettersi a disposizione del nuovo staff, tirare fuori quella grinta e quella compattezza che la squadra non ha mai mostrato.

Non si può dire se le scelte fatte siano azzeccate oppure no, sarà solo il tempo a dirlo. Scelte forse un po’ in controtendenza rispetto alle dichiarazioni iniziali, ma sicuramente scelte mirate sul carattere e sulla voglia di arrivare. Uno staff che ha voglia di combattere, in perfetto stile crociato. Decine di nomi piazzati nelle prime pagine dei giornali, alcuni improbabili, molti inventati, altri che si sono proposti al Parma al solo scopo di rinnovare i propri contratti. Il mondo del calcio è così e una società nuova e senza esperienza come il Parma si è trovata spiazzata. Ma ora ci siamo, oggi non cambierei questo staff per nessun altro, che restino pure nelle loro società quei signori elemosinanti di aumenti salariali.

A casa nostra d‘Aversa ha subito dovuto fare fronte ad una difesa decimata. Assenti Lucarelli, Coly, Garufo e Benassi, il nuovo mister si è dovuto inventare soluzioni mai provate prima. Il risultato è stato sorprendente, grazie anche al lavoro di copertura di tutta la squadra. Finalmente l’impressione che in campo ci sia appunto una squadra e non 11 singoli. Quattro giorni non sono nulla e la mano di un allenatore si vedrà col tempo, ma intanto marchiare a fuoco un certo tipo di atteggiamento è qualcosa di grandioso in così poco tempo.

Una rondine non fa certo primavera, questo è vero, domenica contro il Teramo (inizio ore 14,30) bisognerà continuare su questa linea, battere il chiodo fino all’esasperazione, cercare di arrivare alla sosta con più punti possibili. Poi il tempo per lavorare più serenamente e più nello specifico ci sarà.

Ora i punti che ci separano dalla vetta sono 6, anzi 7 perché la Reggiana vincerà sicuramente contro la FeralpiSalò nel recupero di mercoledì… (!)

Noi guardiamo solo noi. Il nostro destino dipende solo da noi. Testa bassa, duro lavoro e convinzione nei propri mezzi. L’8 dicembre l’Immacolata ci ha regalato un gol “della Madonna”, sfruttiamolo al meglio, potrebbe essere un gol che vale molto più di 3 punti, potrebbe valere la svolta di un’intera stagione!

LA CLASSIFICA (attendendo Reggiana-FeralpiSalò):

class17giornata

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.