Tema Udinese: Minuti d’apnea e tanta fortuna

389
abbonamenti Studio Samo

L’Udinese ha avuto la meglio nel corso dei 90 minuti, rispetto ad un’Atalanta più organizzata. Descrivi le tue impressioni relative alla prestazione bianconera.

Non ho esultato al gol di Zapata, e non me ne vergogno a dirlo. Probabilmente la sensazione di sentirsi un pò come i ladri colti sul fatto, ha portato a questo. Sono rimasto stupito perchè nei primi quaranta minuti, l’Udinese non è scesa in campo, al suo posto Karnezis e la ‘Dea’, ma non quella bergamasca, ma quella bendata.

Ovviamente se una di quelle 6-7 azioni avessero avuto esito positivo, staremmo parlando di tutt’altra partita. Invece al quarantacinquesimo si è concretizzata quella che vuol essere l’apice di un primo tempo tutto culo, con Zapata che si batte, si scontra, la palla rimane attaccata al piede, poi arriva Thereau, che non segna, ma la palla torna a Zapata, che segna. La mazzata è servita, l’apoteosi dell’antimeritocrazia.

Eppure quella botta sembrava non aver abbattuto i bergamaschi che hanno immediatamente pareggiato, giustamente.

abbonamenti Studio Samo

Fin qui, non vi stupirete che, sembra stia quasi parlando un tifoso bergamasco, invece non è così. Perchè la sveglia la da l’immediato pareggio di Kurtic. Perchè in quel momento, mister Del Neri, capisce che c’è bisogno di altro in mezzo al campo, cambiando modulo, inserendo la velocità di Matos e la caparbietà di Perica. La partita si equilibra e l’Udinese riesce a non far andare molto vicina l’Atalanta al vantaggio. Invece è proprio la squadra friulana a tenere banco e raddoppiare, ora si senza la sensazione di una ladrata. Sarà forse l’Atalanta stanca o il cambio di modulo, ma la partita cambia e l’Udinese la chiude in contropiede.

Le osservazioni vedendo questa partita sono quelle di una squadra che ha avuto fortuna, ma che l’ha cercata. L’Udinese del passato al pareggio atalantino, avrebbe perso quella partita. Ma la fortuna è qualcosa di casuale e non si può proporre sempre la stessa minestra ad ogni partita. I primi quaranta minuti sono stati imbarazzanti e nonostante il gol, Zapata appare sempre più sofferente e svogliato, con la testa altrove.

Il prossimo avversario sarà il Crotone, la squadra che occupa il terzultimo posto a 12 punti dai bianconeri. Una vittoria dovrebbe chiudere definitivamente i giochi per la salvezza in casa friulana. Ma i calabresi ora hanno la speranza di salvezza grazie alle prestazioni nelle ultime giornate che hanno portato punti. Partita da non sottovalutare, loro lotteranno, e non faranno affidamento alla fortuna.

abbonamenti Studio Samo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.