Connect with us

Ultime News

F1 – Gp Malesia, race analysis

Kuala Lumpur (MYS) – Il gran premio della Malesia resterà nella storia della Mercedes, ma non per l’ennesima vittoria o per la conquista del titolo costruttori, bensì (concedetemelo) per la sfiga avuta da entrambe le “frecce d’argento” durante la gara.

Sembrava il classico week-end targato Mercedes-AMG, una doppietta quasi scontata alla vigilia della gara, con Hamilton in pole nettamente superiore al compagno Rosberg per tutto il week-end.

Poi la partenza con un zigzagante Vettel che allunga all’inverosimile una staccata per riuscire a sopravanzare il giovane Verstappen… troppo lungo questa volta Seb! La sua rossa #5 finisce contro l’argentea monoposto di Rosberg, il risultato fa drizzare i capelli a tutti: Vettel ritirato con una sospensione demolita e Rosberg in ultima posizione ad inseguire il gruppo.

Via libera alla vittoria di Hamilton che può, artigliare una vittoria che gli varrebbe il primato in classifica mondiale.

Al giro 44 l’imprevisto! Apocalisse nel cofano della Mercedes #44 di Lewis Hamilton che prende fuoco e Luigino altro non può fare che parcheggiare a bordo pista disperato.

E’ doppietta Red Bull, con Ricciardo (grandioso nel contenere Max) che vince il gran premio di Malesia davanti a Verstappen e ad un combattente Rosberg, che salendo sul podio porta a 23 i punti di vantaggio sul compagno di team.

Vittoria meritatissima per la Red Bull, non tanto in questo gran premio, ma per la continua evoluzione della monoposto durante la stagione, hanno saputo approfittare delle due occasioni avute finora in cui la Mercedes ha avuto problemi, vincendo prima con Verstappen e ora con Ricciardo.

Evoluzione che in casa Ferrari è stata troppo flebile, assolutamente non sufficiente per mantenere il secondo posto e a quanto pare la situazione sta dando molti più pensieri a Vettel che a Raikkonen, Kimi in Malesia si è battuto come un leone, portando a casa un quarto posto che, visto da fuori, sembrava il massimo ottenibile con quella monoposto. Al contrario Sebastian sembra stizzito dalla non competitività della SF16-H, vuole strafare e cade a volte in errori non ammissibili da un 4 volte iridato.

In casa Mercedes l’unico pensiero che hanno al momento è quello di consolare e rassicurare Hamilton, il modo migliore per farlo sarà quello di dargli una monoposto vincente già tra 3 giorni, per il gran premio in Giappone. Potrebbe essere per loro già vittoria nel campionato costruttori. Chissà…

Noi ci limiteremo ad essere svegli domenica mattina alle ore 7,00 quando a Suzuka si spegneranno i semafori…

Click to comment

Chi Siamo

Siamo un gruppo di tifosi – aspiranti giornalisti con l’idea di raccontare le emozioni del calcio e dello sport.

Mail : info@tifoblog.it

I Nostri Partner :

Scrivici!





Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

More in Ultime News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: