Connect with us

Ultime News

Mangala: un goal per la salvezza

Il Valencia prima perde ad Alavés, ma si riscatta contro il Leganés cacciando indietro le inseguitrici per la salvezza

Valencia-Alavés

Il Voro aveva avvertito tutti. Attenzione alla trasferta in terra basca contro l’Alavés perché i biancoblu sono una squadra pericolosa e ben organizzata. E così è stato. La sfida è stata molto equilibrata. Rispetto alle formazioni della vigilia il Valencia, parte con Abdennour al posto di Mangala, Siqueira per Gayá, Suárez al centrocampo al posto di Bakkali e la riconferma di Parejo al posto del capitano Enzo Pérez. Nelle file dei  padroni di casa guidati da Pellegrino 4-5-1 formazione confermata con Santos unica punta aiutata da Toquero, Camarasa e Gomes.

Nel primo tempo Diego Alves salva almeno due volte la propria porta. Si iniziano a vedere dei grossi problemi nella parte centrale della difesa con gli attaccanti biancoblu che entrano facilmente nell’area valenciana.

Gli ospiti si portano in vantaggio al 70°: Parejo calcia una punizione in modo splendido, Pacheco si salva con l’aiuto della traversa, arriva Carlos Soler che al volo di destro segna un grandissimo goal. E’ la prima rete per il ragazzo della cantera valenciana con un gran futuro davanti a sé.

I padroni di casa non demordono. Ibai Gómez sfrutta una corta respinta di Abdennour di testa, stoppa si porta avanti la palla al limite dell’area ed esplode il destro per il pareggio dell’Alavés. Entra Alexander Katai al minuto 85, serbo, classe ’91, ex Olympiakos e Stella Rossa. Riceve un pallone sul filo dell’offside, tenuto in gioco da Joao Cancelo, mette a sedere Alves e sigla il definitivo 2-1 per i padroni di casa.

Grande amarezza per i valenciani che avevano battuto il Real Madrid ma non c’è tempo di riposare che il Leganés è alle porte.

Valencia-Leganés

Mentre continuano le proteste della tifoseria contro la gestione Lim, viene nominato il nuovo direttore sportivo Alexanko di cui parleremo nei prossimi articoli. Rispetto alla precedente partita, il Valencia scende in campo con Mangala e Gayá per Abdennour e Siqueira, torna in campo il Capitano Enzo Pérez al posto di Suárez e davanti Bakkali prende il posto di Orellana squalificato.

Gli ospiti si schierano con Herrerín in porta, difesa a 4 con Díaz, Siovas, Insua e Marín. A centrocampo  R. Pérez,  Alberto,  S. García,  U. López e Machis. Davanti con la maglia numero 10 Bueno.

L’allenatore è Asier Garitano al Leganés dal 2013.

I valenciani iniziano forte e riescono a trovare il goal del vantaggio su un’azione convulsa: Mangala, difensore centrale, prima devia di testa, la palla prende il portiere, poi il palo, torna a lui che non può che segnare. Il Valencia comunque stava già dominando e aveva all’attivo anche una punizione colpita dal mago dei calci piazzati Parejo. Nella seconda frazione Soler semina il panico nella difesa avversaria ma il portiere riesce a sventare l’azione dei padroni di casa. Entrano Latorre e Nacho Gil, il Valencia reclama un calcio di rigore per un netto fallo di mano, ma finisce la partita: è vittoria per 1-0 dei padroni di casa. Amunt!

[Foto: Agenzia Efe]

Click to comment

Chi Siamo

Siamo un gruppo di tifosi – aspiranti giornalisti con l’idea di raccontare le emozioni del calcio e dello sport.

Mail : info@tifoblog.it

I Nostri Partner :

Scrivici!





Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

More in Ultime News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: