Connect with us

Ultime News

LE PAGELLE ROSSONERE: MILAN, GAME-SET-MATCH

sipario

Come da molti immaginato, ma da altrettanti scaramanticamente negato, il Milan era favoritissimo nella sfida valevole per il play-off di Europa League contro lo Shkendija. Ben sei le reti rifilate ai macedoni

Io per primo avrei scommesso su una vittoria del Milan contro la squadra macedone, ma mai avrei detto con un simile scarto. Il risultato finale riporta infatti un roboante sei a zero. Grandi protagonisti Silva, Montolovo e un Kessiè sempre più perno del centrocampo rossonero e vero “botto” di mercato.

Tutta la gioia di Silva, autore del primo gol per il Milan

La partita inizia in una cornice spettacolare, per essere a due giorni dal Ferragosto trascorso, sono quasi 42.000 gli spettatori al Meazza. Un successo per il calcio d’Agosto. Il Milan è concentratissimo. Testa solo al match e si vede. Meno di quindici minuti e passa in vantaggio con un preciso tiro all’angolino di Silva. Il gioiellino portoghese made in CR7 si sblocca e porta il Diavolo in vantaggio. Passano meno di dieci minuti e tocca a Montolivo raddoppiare con un tap-in dopo la punizione di Suso. Il gol di Monto è una gioia assoluta, una rivincita verso tutti quei mezzi tifosi che sono arrivati ad augurare le peggiori cose a un ragazzo che si è sempre “sbattuto” come pochi altri.

Dopo la seconda rete, però, si poteva pensare a un rilassamento e a una gestione del match. Così non è stato. Questo Milan ha fame e si vede. Ancora Silva, dopo una difesa del pallone e una preparazione al tiro da vero fenomeno, porta a tre le reti per i rossoneri. Tifosi in delirio e San Siro che canta a squarciagola, finalmente una partita da Milan ricordando comunque la pochezza degli avversari.

Montolivo è rinato. Un possibile “colpo” per il Milan

Da qui in poi è un tiro al bersaglio, sia prima che subito dopo l’intervallo il Diavolo spreca almeno quattro occasioni. Complici anche il palo colpito da Silva e gli interventi di Zahov. Poco male, per la legge dei grandi numeri, 25 tiri in porta, ecco gloria anche per Borini e un Antonelli in versione Rodriguez. 5 a 0 e pubblico in visibilio. Il cappotto provano a darlo prima un mai domo Silva, tacco magico, e Cutrone con un altro palo. Ma è proprio il nostro vice  capitano ad arrotondare il tabellino: Montolivo gol, sei a zero e girone di Europa League ipotecato. Ora testa a Crotone e portiamo a casa i 3 punti. Partire bene è fondamentale

Si può già parlare,quindi, di Milan come vera rivale della Juventus?

Non esageriamo ora. Il Milan ha rifondato società e organico in quasi tutti i suoi interpreti e manca ancora la ciliegina sulla torta. Da qui a dire che siamo già la principale rivale della Juve, attenzione. Serve comunque tempo come ben detto da Montella e Bonucci per poter pareggiare il gap con una squadra rodata da anni e vincente da altrettanto tempo. Di sicuro siamo sulla strada giusta. I ragazzi lavorano sodo e sono professionisti. Anche Abbiati lo ha recentemente confermato in un’intervista: “l’aria negli spogliatoi è tornata quella di un tempo e Bonucci è il leader che mancava”. Emblematico è stato, ieri sera, il richiamo da parte del nuovo capitano a Montolivo e Kèssiè, “colpevoli” di star perdendo troppo tempo a dissetarsi dopo il gol del 5 a 0. Sempre concentrati, questo è il nuovo motto. La stagione che domani inzierà riserverà di sicuro tante sorprese e credo anche ben più piacevoli delle passate stagioni. Ricordiamoci, però, che per formare un gruppo vincente serve tempo, ma gli sprazzi di luce e la fame vista per questo nuovo Milan lasciano ben sperare.

Ma vediamo nel dettaglio come si sono comportati i nostri beniamini:

Donnarumma: 6 – Effettua solo una parata. Elementare. SPETTATORE

Bonucci: 6,5 – E’ alla prima da capitano a San Siro. Non si fa tradire dalle emozioni e la sua partita è ordinata e pulita. Guida tutti e tiene alta la concentrazione. LEADER

Zapata: 6,5 – Da quando gioca con Bonucci migliora di partita in partita. Vero gregario e marcatore mai domo. CONCENTRATO

Antonelli: 6,5 – Spinge più del solito. In fase difensiva non deve far nulla o quasi, forse per questo se la cava meglio del solito. ATTENTO

Conti: 7 – Non si ferma mai. Gioca a memoria con Kessiè e Suso. Che esterno! MOTO PERPETUO

Kessiè: 7,5 – Certo gli avversari sono di ben poco spessore. Ma che giocatore. E’ ovunque. Fisico e tecnica in un solo interprete. Forse il miglior acquisto per il Milan. INARRESTABILE

Montolivo: 7 – Giocatore rinato. Come per gli altri vale la pochezza dei macedoni. Ma sembra un altro rispetto alle passate stagioni. RINATO

Calhanoglu: 6 – Ancora un po’ troppo impreciso, ma la forma è in crescendo. Diamogli tempo, il ragazzo è ottimo. TALENTO

Suso: 7 – Gioca ad occhi chiusi con Kessiè e Conti. Per un’ora intera è imprevedibile ed è in quasi tutte le azioni rossonere. FENOMENO

Silva: 7,5 – Forse pecca ancora di imprecisione, ma è giovanissimo ed appena arrivato. Le due reti sono da rapace e punta vera. Ci sono sprazzi di gran classe. Quel colpo di tacco poi… ELEGANZA 

Borini: 6,5 – Il nostro Mandzukic. Copre la fascia intera e si sbatte come pochi.  Giusto premio la rete segnata. OPERAIO

Abate: 6,5 – Sembra essersi ripreso a pieno dal problema all’occhio. Partecipa anche lui alla sagra del gol offrendo un assist prima a Silva, poi a Montolivo per il 6 a 0. REDIVIVO

Bonaventura: 6 – Che sfortuna Jack. Da valutare l’infortunio, ma pare nulla di grave. SFORTUNATO

Cutrone: 6,5 – Peccato per quel palo. Anche se entra dalla panchina, contro una squadra non proprio di prima fascia, che fame! LEONE

Montella: 7 – Sceglie bene l’undici da schierare. Con una rosa così, quest’anno, potrà divertirsi. COMANDANTE

Click to comment

Chi Siamo

Siamo un gruppo di tifosi – aspiranti giornalisti con l’idea di raccontare le emozioni del calcio e dello sport.

Mail : info@tifoblog.it

I Nostri Partner :

Scrivici!





Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

More in Ultime News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: