Connect with us

Ultime News

US Open Day4: A Nadal e Federer piace giocare al gatto e il topo

Ormai ci hanno preso gusto i due a farsi mettere sotto per poi rimontare e vincere come se nulla fosse.

US Open Day4: Rafa Nadal soffre per più di un’ora, prima di avere la meglio sul giapponese Taro Daniel che viene battuto in quattro set.

EPA/FILIP SINGER

Nel primo set viene letteralmente preso a pallate dal suo avversario al quale gli riesce anche l’impossibile, sembra quasi che quel cappellino, svoltato all’indietro, funga come in Over The Top,a conferirgli più energia e forza.

E infatti chiude il primo set 6-4 e riesce a brekkare lo spagnolo, subito al terzo gioco del secondo set.

Sotto 1-2, Rafa ha una sorta di scossa e si ricorda che è il numero uno al Mondo. Comincia a macinare gioco e pian piano ritorna ad essere incisivo come lo è stato in quest’ultimo periodo. Recupera il breack e si porta a casa il secondo set 6-3.

Da qui in poi è solo formalita. Con un doppio 6-2 e quasi 3 ore di gioco si sbarazza del giapponese e si appresta ad affrontare il terzo turno con la consapevolezza che, se vuole andare avanti, deve migliorare le fasi iniziali di gioca.

E intanto Federer imita il suo rivale

Non spaventato dalla fatica del primo turno contro Tiefoe, lo svizzero ci prende gusto e decide di provare a fare un’altra rimonta, come se il suo fosse un allenamento sulla resistenza in vista di partite molto più probanti.

Photo by Matt King/Getty Images

Comincia tutto secondo copione, Roger che fa la partita e domina con la sua classe l’avversario. 6-1 in meno di mezz’ora e la strada per il terzo turno pare spianata. Ma nel seondo set inizia ad avere dei problemi, non tanto fisici, quanto psicologici. Comincia ad insorgere la paura che da un momento all’altro si possa riacutizzare il problema alla schiena.

Inizia dunque a dare campo al suo avversario che lo porta fino al tie-breack nel secondo set, dove il russo se lo aggiudica vincendo 7 a 3, approfittando degli errori dello svizzero.

Nel secondo la sua paura non svanisce e si lascia sopraffare dal suo avversario che si limita, semplicemente, a non fare errori (a differenza sua) e così si porta a casa il terzo con un 6-4 che non fa una piega.

Si va al quarto e Roger riprende ad essere lucido, come suo solito, approfittando anche della stanchezza del suo avversario, che ora concede di più. 6-4 e si va al quinto, dove la maggiore classe viene fuori e dove la spossatezza del russo, fa si che non riesca più a controbattere.

Finisce 6-2 con tanti ringraziamenti da parte di Federer e con il terzo turno che lo vedrà battersi contro Feliciano Lopez, un mancino niente male, Sicuramente una prova molto più difficile di quelle fatte fino ad ora.

Leggi anche….US OPEN DAY3: ZVEREV ALTRA VITTIMA ECCELLENTE, FOGNINI LA SOLITA TESTA….

Click to comment

Chi Siamo

Siamo un gruppo di tifosi – aspiranti giornalisti con l’idea di raccontare le emozioni del calcio e dello sport.

Mail : info@tifoblog.it

I Nostri Partner :

Scrivici!





Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

More in Ultime News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: