Connect with us

Ultime News

Majka fa l’impresa, Nibali attacca ed è terzo

Majka a La Pandera

VUELTA A ESPANA – Rafal Majka va in fuga, resiste al ritorno del gruppo e confeziona l’impresa. Nibali sfida Froome e rosicchia qualche secondo

Non si scopre certo oggi che Rafal Majka è un campione vero visto che è già stato due volte vincitore della maglia a pois al Tour, dove ha vinto anche tre tappe, nonché vincitore del Giro di Polonia 2014. Il polacco della Bora Hansgrohe ha compiuto oggi un altro capolavoro, di forza e tattica, gestendo in modo perfetto le energie ed il vantaggio a disposizione. Infilatosi nella fuga giusta ad inizio tappa, Majka è ottimamente coadiuvato dal compagno Patrick Konrad che lavora a fondo nel frappello di dieci e consente al capitano di imboccare la salita conclusiva con un 1’33” sul gruppo dei migliori, dopo che in precedenza il divario è stato anche di 7’30”. Sembra che la sorte di Majka sia segnata, ma, come detto, si tratta di un campione e gestisce alla perfezione la situazione, facendo molto bene i calcoli. Alla fine arriva con 27″ sull’ottimo Miguel Angel Lopez e poco di più sul gruppetto dei migliori, conquistando uno strepitoso successo.

I leader della corsa si danno grande battaglia sulle dure rampe della Sierra de la Pandera ed i più  attivi sono Alberto Contador e, soprattutto, Vincenzo Nibali che dimostra di stare molto bene e di essere l’avversario principale di Chris Froome (ora a soli 55″ di distanza), nonostante non riesca a staccarlo di ruota, ma battedolo allo sprint per il terzo posto che valeva anche qualche secondo di abbuono. Meno brillante del solito è stato invece Fabio Aru, in sofferenza tutto il giorno, ma comunque ancora sesto in classifica, in attesa di giornate migliori.

Ordine di arrivo 14^ tappa

Rivedi qui il racconto e l’ordine di arrivo della 13^ tappa >>> Grande Matteo Tre…ntin, nuovo Re di Spagna !

15^ Tappa: Alcala la Real – Sierra Nevada. Alto Hoya de la Mora (km 129)

La seconda tappa consecutiva sui rilievi andalusi è più dura della precedente e l’impressione è che i distacchi sulla Sierra Nevada saranno pesanti. Di fatto, è la frazione che potrà decidere la Vuelta, assieme alla cronometro individuale di mercoledì, perché poi l’Alto de Angliru arriverà all’ultimo giorno ed i giochi dovrebbero essere già fatti, al netto di crisi imrpovvise. La frazione prevede tre salite dure, per un totale di quasi 3.000 metri di dislivello, con la seconda e la terza scalata che, nei fatti, rappresentano una sola lunghissima ascesa. Uomini di classifica favoriti anche per il successo di tappa, consapevoli che domani occorrerà fare sul serio sin da subito che si vuole provare a vincere a Madrid.


Foto di Tim De Waele / TDWSports tratta dal sito www.cyclingnews.com

Click to comment

Chi Siamo

Siamo un gruppo di tifosi – aspiranti giornalisti con l’idea di raccontare le emozioni del calcio e dello sport.

Mail : info@tifoblog.it

I Nostri Partner :

Scrivici!





Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

More in Ultime News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: