Connect with us

Ultime News

Mondiali 2018: la furia clamorosa delle Furie Rosse

Mondiali 2018 si comincia oggi. Si inizia senza Italia e questo è già di per sé un elemento sorprendente. Si parte con Russia contro Arabia Saudita. Ma ancora prima di inaugurare la manifestazione (oggi alle 17:00 alo stadio Luzhniki), la sorpresa arriva dalla Spagna.

Lopetegui adios

Nemmeno il tempo di cominciare a commentare il primo mondiale con l’introduzione del VAR e subito non mancano le sorprese in questo Russia 2018. Già, perché la federazione spagnola, a gran sorpresa liquida in anticipo il ct spagnolo Julen Lopetegui. Il comunicato è arrivato ieri da Rubiales: “Siamo stati costretti, obbligati ad esonerarlo. Deve essere un messaggio chiaro per tutti i lavoratori della federazione. La forma con cui si fanno le cose è importante, nessuno può andare oltre le reazioni. Ho parlato con tutti quelli con cui dovevo parlare prima di prendere questa decisione. Siamo in una situazione molto complicata”. 

Colpo di scena, forse uno dei pochi o forse l’unico, in un mondiale. Verrebbe da dire pazzo colpo di testa della Federazione spagnola. Anche se, come vedremo la motivazione, è sì discutibile, ma non riprovevole.

Certo avere il coraggio di prenderla in un contesto come quello di una competizione mondiale è un azzardo. Ora la Spagna, proprio come in una partita a poker è davanti a un bivio: o farà un grande mondiale o di contro un pessimo torneo.

Spagna: le motivazioni della Federazione spagnola

Le motivazioni, dicevamo, non sono improvvisate. Questo è il comunicato dettagliato della stessa Federazione: “Cercheremo di toccare il meno possibile. Il Real voleva un allenatore e ha cercato il meglio, è lecito, non ho niente da dire al riguardo. Ma se l’allenatore cercato sta lavorando per la federazione spagnola, allora non può fare le cose in questo modo. L’ho scoperto con una-due telefonate cinque minuti prima dell’annuncio ufficiale…”. 

Le motivazioni sono, dunque, quelle di un giallo. L’ex ct ha trovato l’accordo con il Real Madrid per iniziare con i blancos la prossima stagione. Sin qui nulla da sbagliato. Se non fosse che i campioni d’Europa hanno già dato l’ufficialità dell’accordo. A questo punto caro Real, un po’ buon senso poteva servire. Sicuramente la decisione della Federazione spagnola è stata eccessiva, perché è evidente che così si rischia di scompattare il gruppo e creare un alone di confusione fra i giocatori. Dall’altro lato, però, dal punto di vista morale, tutto il cerchio si sarebbe potuto chiudere meglio: accordo silente fra Lopetegui e il Real; mondiale guidato dal ct che ha portato la Spagna a un’ottima qualificazione; e infine, a conclusione di Russia 2018, l’annuncio delle merengues. Diciamo che è stato fatto un “pasticciaccio all’italiana”.

Dall’esempio Zidane, è pronto il sostituto: Hierro

Ed è Hierro, il cui ruolo era quello di dirigente, a prendere le redini della Roja. Anche in questo caso una scelta clamorosa. Non il vice di Lopetegui, ma un dirigente ex difensore pilastro del Real Madrid. Si vede che in terra spagnola amano rischiare e non poco. Hierro non ha mai fatto l’allenatore, ma soltanto il vice. Ha il patentino per farlo, ma zero esperienza. Un esperimento alla Zidane, se vogliamo, sperando che porti gli stessi frutti.

Il roccioso e indimenticabile capitano della formazione madrilena sembra aver già le idee chiare: “Si tratta di un’opportunità unica che accetto con voglia e forza. Agli spagnoli dico di aver fiducia, perché il gruppo è buono e ha le idee chiare. Cambi? Nessuno, perché non c’è tempo e soprattutto perché in questi due anni si è lavorato molto bene. Non c’è nulla da ritoccare“.

Chiaro da rintoccare in quel gruppo c’è davvero poco. Se la Spagna è data fra le possibili favorite, daltronde un motivo ci sarà. In questo caso più che fare l’allenatore tattico il buon Fernando deve fare da psicologo, quando arriveranno le partite in cui servirà.

Le convocazioni di Lopetegui, che si dice triste per l’accaduto, sono state perfette. L’unico dubbio viene sulla mancata chiamata nei confronti di un cecchino del calibro di Morata a favore di Costa, che non sembra aver incantato le platee europee e il cui ultimo mondiale non è stato propriamente brillante. Per il resto l’assetto difensivo e di centrocampo ha raccolto i migliori uomini in circolazione (con tanto di schiaffo ai tanti idolatrati “italiani”) e ha conservato una spina dorsale di incontristi, giocolieri, campioni e campioncini da far paura soltanto a nominarli. Ora sarà compito del psicoterapeuta, investito da ieri ct, far girare a mille schemi, tattiche e intese che già sono molto più che affilate.

Spagna: verso lo scontro con il Portogallo, il clima

In tutto questa confusione, tuttavia, le voci dissonanti del capitano Ramos e di Iniesta non tranquilizzano i sostenitori delle Furie Rosse: “Questo non è un club, noi siamo qui per vincere il mondiale e tutto questo ci sta nuocendo”. Come dar torto pure a loro, ai giocatori. Sappiamo bene quanto conta il rapporto tecnico e giocatori in una competizione come questa. Non sappiamo esattamente che gradi di confidenza c’era, ma indubbiamente in due anni avrà avuto modo di conoscere i suoi ragazzi (pregi e difetti) più di quel che ne possa sapere Hierro.

Soprattutto l’eventuale indiscrezione secondo cui alcuni giocatori, fra cui quelli indicati poco sopra, si sono confrontati con il presidente Rubiales non contribuisce a essere troppo ottimisti in vista del primo derby iberico: quello contro il Portogallo.

Per i sostenitori del calcio rapido, spettacolare e palleggiato della Spagna, per i tifosi nazionali e per gli esteti del calcio ci si augura che la Spagna non subisca il contraccolpo di una mossa moralmente impeccabile, ma sportivamente rischiosissima.

E così, la Spagna, nazione di pazzi sempre disposti a vivere la vita, fa la sua pazzia. Siamo solo alla vigilia, quante sorprese ci servirà questo Mondiale senza Azzurri?

 

 

Click to comment

Chi Siamo

Siamo un gruppo di tifosi – aspiranti giornalisti con l’idea di raccontare le emozioni del calcio e dello sport.

Mail : info@tifoblog.it

I Nostri Partner :

Scrivici!





Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

More in Ultime News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: