Udinese: Questo sarà finalmente l’anno di De Paul e della 10?

229

Dopo la bella vittoria contro la Sampdoria, nella testa dei tifosi c’è solo una domanda: “Questo sarà finalmente l’anno di De Paul?”

Questa però è una domanda che ci facciamo ogni anno, da quando l’Udinese nel 2016 l’ha acquistato, anche perchè pesa il numero 10 sulle sue spalle.

Quel 10 che tanto ci ha fatto sognare, da qualche anno non è più incisivo, è altalenante e ci si pone delle domande; era davvero necessario dare la 10?

Un giocatore che non è mai andato a doppia cifra, sta di fatto che è del ’94 e ancora un po’ di tempo ce l’ha, questo avvio di campionato sta risultando positivo, un rigore segnato contro il Parma e un bellissimo gol a giro contro la Sampdoria che decide la partita.

Contro la Sampdoria abbiamo visto delle buone cose ma anche un po’ di egoismo da parte di Rodrigo. Se la passasse un po’ di più forse certe partite potremmo chiuderle prima.

Velazquez sembra stia facendo bene al ragazzo, che dice di trovarsi molto bene con il nuovo mister e con tutta la squadra.

Dobbiamo dire che oltre alla bella prestazione di De Paul, ha brillato tutta la squadra per almeno 60 minuti, un ritrovato Fofana che ha servito l’assist perfetto, Behrami un guerriero che guidato la difesa da vero leader.

Uno spento Lasagna però ci preoccupa un pochino, sbaglia un paio di gol, uno clamoroso; si spera che la fascia di capitano non l’abbia caricato di troppe responsabilità che non riesce a gestire.

Bene anche Scuffet, nessuna papera per lui in questa partita, anzi qualche parata decisiva, il Mister sembra dargli fiducia e anche noi.

Ma siamo solo alla seconda partita di campionato e ancora ne devono succedere di cose; domenica giocheremo contro la Fiorentina che ha iniziato questo campionato alla grande.

Fiorentina-Udinese sarà dura; ma se i ragazzi giocano così potremmo dire qualcosa e se non dovessero arrivare i tre punti non ci sarà da demoralizzarsi, ci sarà da riscattarsi.