Connect with us

Ultime News

Egonu e le ragazze terribili: domani portateci l’oro

Paola Egonu

Italia-Cina termina 3-2 per le azzurre e domani ci aspetta la finale di Yokohama. Ore 12,30 su Rai 2 o streaming sull’app Raitv. Non potete non guardarle!

Raccontare che si piange, almeno due lacrime per la pallavolo femminile non è mai facile. Eppure stamattina per chi ha potuto vedere Italia-Cina è accaduto per davvero. Fra urlo e salti in alto in stile finale dei Mondiali e fra piccola disperazione quando la Cina annullava i nostri match point. Nostri perché queste ragazze terribili sono di tutti noi. Come lo erano i ragazzi di Blengini. I sogno di una finale Mondiale dopo il successo del 2002 è di nuovo possibile. E allora si sa che domani, alle 12,30 le ragazze di Mazzanti incolleranno ai televisori tutti gli appassionati e gli italiani veri.

D’altonde questa Nazionale stamattina s’è meritata questa chance! Ha giocato punto a punto contro la campionessa olimpica in carica. Ma fra il terzo set e il tie break le azzurre non solo non hanno mai mollato, ma hanno pressato la Cina fino a farla quasi svenire.

Italia-Cina: una partita spettacolare

La semifinale è stata una partita che definire spettacolare è poco. La Cina della terribile schiacciassi Zhu non ha mai mollato. Fintanto che nel terzo set la squadra asiatica ci ha annullato ben più di una palla match point. D’altronde stavamo giocando contro una delle squadre più forti al mondo e lo s’è visto. Terribili le fucilate delle centrali cinesi e ammirevole la loro difesa. Ma il bello è che le azzurre meno alte, ma più cattive e coriaceee la parola paura non la conoscono.

L’Italia parte bene e si prende il primo set, ma la Cina non si dà per morta e nel secondo set la reazione è veemeente. Una ricezione fatta di qualità tecniche e un attacco con diagonali lungo lineee e sul muro potenti. Solo che queste, cioè le nostre sono chiamate le ragazze terribili, perché forse non temono nulla.

Così nel terzo Paola Egonu, per gli amici Paoletta e Sylla ricevono e schiacciano, ricevono e schiacciano. La squadra giallorossa non ci capisce una mazza, spreca palloni e non riesce più a tenere le distanze. È un terzo set perfetto e la vittoria larga e non di misura lo dimostra.

Nel quarto Egonu, leader offensivo di questa Nazionale si perde un attimo e continua la sua battaglia personale con il muro cinese, che puntualmente la anticipa. Nonostante questo sale in cattedra dalla prima linea Sylla che tiene su la squadra. Ovviamente con l’aiuto prezioso della Danesi e in ricezione della nuova Cardullo, ovvero la Di Gennaro. C’è poi da tener conto dell’apporto decisivo a muro della capitana che non molla mai: Cristina Chirichella.

Ad ogni modo, Paola Egonu, come si diceva qualche punto lo manca e così il quarto set va alla fine alle cinesi.

Il tie-break più emozionante e quell’Egonu in più

Ma qualcuno o meglio qualcuna questa finale deve prendersela. E così dopo lo scivolone di Rio 2016, queste ragazze vanno proprio a prendersi la finale. Anche qui punto a punto, spalla contro spalla, botta contro botta. A ogni punt nostro risponde quello cinese. È un equilibrio magico e tesissimo. Entrambe meriterebbero la finale per impegno, lotta, sacrificio e qualità tecnica. Ma noi abbiamo un’arma in più. La ragazza dalle treccine magiche: Paola Egonu.

Ed è così che dopo aver soppiantato da sola la Cina nel terzo set, nel tie-break, riemerge da un quarto set un po’ assopita, la schiacciatrice capace di fare sa dola 24 punti.

L’Italia spreca ancora una numero infinito di match point, perché proprio Lei sbaglia sia alcune battute che alcune diagonali. Ma è sempre Lei a darci dalla seconda linea con la sua solita bomba da 93 km all’ora l’accesso alla finale di Yokoama.

Italia-Serbia: domani tutti per le ragazze terribili

E così dopo ben 16 anni, da quel mondiale caratterizzato dalla gigante Elisa Togut, l’Italia senza più la sua torre, ma con tanta potenza torna a sognare un Mondiale.

E c’è la fortissima Serbia davanti a noi. Proprio quell’unica formazione che ci ha tolto il record di vittorie consecutive in questo percorso internazionale. Domani è l’occasione della rivincita. Domani è il momento di ricordarci ancora i nomi di queste eroine, amazzoni straordinarie, simbolo di una pallavolo che sta rinascendo.

Paola Egonu, Sylla, Danesi, Di Gennaro, Chirichella e Bosetti: nomi che comunque andrà domani non dimenticheremo mai!

Forza Italia!

 

Click to comment

Chi Siamo

Siamo un gruppo di tifosi – aspiranti giornalisti con l’idea di raccontare le emozioni del calcio e dello sport.

Mail : info@tifoblog.it

I Nostri Partner :

Scrivici!





Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

More in Ultime News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: