Connect with us

Ultime News

L’Inghilterra espugna Dublino e ipoteca il titolo

Irlanda-Inghilterra - 6N 2019

6 NAZIONI 2019 – Nel primo turno del torneo più antico e prestigioso, l’Inghilterra supera l’Irlanda 32-20 e si candida alla vittoria finale

L’edizione passata del 6 Nazioni si era chiusa con il trionfo dell’Irlanda, capace di vincere tutte le partite e conquistare quindi il Grande Slam, impresa completata con il 24-15 con cui la formazione di Joe Schmidt aveva espugnato Twickenham ed umiliato l’Inghilterra di Eddie Jones. Curiosamente, il torneo 2019 ha subito previsto la rivincita, piazzata beffardamente alla prima giornata, ovviamente a campi invertiti. Ebbene, la formidabile formazione di verde vestita, capace nel frattempo di battere Springboks ed Allblacks nei Test Match di novembre, partiva nettamente favorita, non solo per i bookmakers, ma anche a detta di tutti gli appassionati ed esperti. E invece, ecco il XV della rosa che non ti aspetti, combattivo, mai domo, cinico e spietato… In precedenza, nella partita di venerdì sera, la Francia ha incredibilmente sprecato quanto di buono fatto nel primo tempo e ragalato al Galles il successo nella ripresa, mentre la Scozia ha prima dominato contro l’Italia, portandosi addirittura in vantaggio di 30 punti, salvo poi alzare il piede dall’acceleratore e consentire agli Azzurri un discreto recupero nel finale.

Francia 19-24 Galles

Una bella Francia, profondamente rinnovata con diversi giovani di buone speranze (perlopiù campioni del mondo under 20 lo scorso anno) nel XV di partenza come Penaud e Ntamack, sorprende il Galles in avvio e si porta subito in vantaggio con la meta di Picamoles al 5′, cui fa seguito quella di Huget al 20′. Parra è impreciso e non riesce a trasformare nessuna delle sue segnatore, ma nel finale è Lopez con un piazzato ed un drop ad arrotondare il punteggio sullo 16-0 con cui si chiude la prima frazione. Tutto facile per i Galletti di Jacques Brunel, dunque, visto che Warren Gatland ed i suoi Dragoni sono sembrati in balia dell’avvarsario per tutti i 40′. Ma con questa Francia non ci si annoia mai, una squadra capace di impaurire il Sudafrica e poi perdere clamorosamente contro Figi… Ed ecco che nella ripresa arriva il ribaltone, con i gallesi che vanno a segno a ripetizione: in appena 5′, Liam Williams e North (mete trasformate da Anscombe) riportano il Galles a -2 (16-14), con Biggar che al 62′ mette il piazzato del sorpasso. La Francia reagisce con Lopez dalla piazzola, ma è la seconda meta personale di North (trasforma Biggar) a chiudere il conto. Al Galles vanno 4 punti fondamentali per la corsa al titolo, alla Francia resta il rammarico di una vittoria gettata alle ortiche.

Scozia 33-20 Italia

Per gli Azzurri uno score finale a prima vista dignitoso, ma nella sostanza deludente per come è maturato. A Edimburgo, infatti, l’Italia non è mai stata in partita e solo una reazione di orgoglio nel finale, unita al rilassamento generale degli Highlanders ha reso meno pesante un passivo che ad un certo punto è stato di 30 punti. Il piazzato di Allan aveva consegnato agli uomini di Conor O’Shea il primo (ed unico) vantaggio del match, ma poi la doppietta di Kinghorn (la seconda meta trasformata da Laidlaw) ha spianato la strada alla Scozia, che ha chiuso il primo tempo in vantaggio 12-3. Nella ripresa i padroni di casa hanno prima maramaldeggiato andando a segno altre tre volte con Hogg, ancora Kinghorn e Harris (due trasformazioni di Laidlaw ed una di Russell), poi pensato bene di conservare energie per l’importantissima sfida di sabato prossimo e lasciato così campo all’Italia, a segno tre volte nei 10′ conclusivi, complice il cartellino giallo sventolato a Berghan: per gli Azzurri a segno Palazzani, Padovani ed Esposito, con una sola trasformazione da parte di Allan. L’ennesima débacle dei nostri ragazzi, alla 18^ sconfitta consecutiva nel torneo ed ormai a digiuno di vittorie esterne da 4 anni… Per la Scozia invece, la conferma che questa squadra può lottare per il successo, come hanno dimostrato gli estremamente positivi Test Match di novembre.

Irlanda 20-32 Inghilterra

Tutti si aspettavano l’Irlanda ed invece è l’Inghilterra a partire fortissimo, imponendo la fisicità nei punti di incontro e mettendo in mostra un’impressionante batteria di ballcarrier, Tuilagi e Billy Vunipola su tutti, in grado di mettere in grandissima difficoltà la difesa irlandese. Il primo affondo di Tuilagi produce la meta di May al largo (trasforma Farrell), ma il match resta equilibrato, visto che l’Irlanda risponde con il piazzato di Sexton e la meta di Healy (trasformata da Sexton). Sul 10-7 le cose sembrano rientrare nei pronostici della vigilia, ma i bianchi colpiscono ancora con Daly, che approfitta di un clamoroso errore di Stockdale per riportare in vantaggio l’Inghilterra (trasforma Farrell), prima del piazzato di Farrell che chiude la prima frazione (10-17). La riscossa irlandese è attesa nella ripresa, ma il piazzato di Sexton serve solo ad accorciare le distanze, prima che la doppietta di Slade (una trasformazione di Farrell) ed il piazzato di Farrell aprano un divario incolmabile. Sul 13-32 i giochi sono ormai fatti e la meta di Cooney (trasforma Sexton) serve a rendere meno pesante la sconfitta, ma non porta in dote nemmeno il punto di bonus difensivo. Sarebbe ingeneroso dire che questa partita l’ha persa l’Irlanda, perché l’Inghilterra ha disputato una prova eccezionale e si è visto davvero grande rugby all’Aviva Stadium, con due squadre fortissime che partiranno coi favori del pronostico alla prossima Rugby World Cup assieme agli Allblacks. Chiaramente questo successo pone l’Inghilterra come grande favorita per la vittoria del 6 Nazioni 2019, calendario alla mano, con la concreta possibilità di ottenere anche il Grande Slam.

Classifica e prossimo turno

Scozia ed Inghilterra hanno conquistato le rispettive vittorie segnando almeno 4 mete, circostanza che consente di guadagnare un punto in più in classifica, mentre il Galles ne ha segnate 3 e si accontenta dei 4 punti per la vittoria. La Francia, perdendo con 7 o meno punti di scarto, ottiene un punto di bonus difensivo, con Irlanda e Italia che invece restano a quota 0. La seconda giornata prevede due partite sabato 9 febbraio, Scozia-Irlanda (ore 15:15) e Italia-Galles (ore 17:45), una domenica 10, Inghilterra-Francia (ore 16:00).


Foto ©INPHO/Dan Sheridan tratta dal sito www.sixnationsrugby.com

Click to comment

Chi Siamo

Siamo un gruppo di tifosi – aspiranti giornalisti con l’idea di raccontare le emozioni del calcio e dello sport.

Mail : info@tifoblog.it

I Nostri Partner :

Scrivici!





Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

More in Ultime News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: