Connect with us

Ultime News

Il punto del bolognese: tre punti d’oro

Commento tifoso bolognese

Bologna-Cagliari: la differenza fra dramma sportivo e speranza

È il minuto 63′ e tutti i cuori fanno un battito a vuoto. Pulgar si presenta sul dischetto:

è il momento di differenza tra il dramma sportivo e la speranza.

Non ho sufficenti prove per affermare che se la mano del gattone non avesse tolto quel pallone sarebbe stata la fine, ma più di qualche indizio, si.

Bologna: le urla strozzate delle partite precedenti

Gli indizi si chiamano Genoa, Spal,Udinese,  partite che dopo il primo tempo sembravano indirizzarsi in un certo modo, e poi…

E poi sempre con quei maledetti urli strozzati in gola e sempre una domenica in meno per poter recuperare.

Perché sarebbe stata uguale a tante altre, a tutte quelle volte che ci siamo divorati gol fatti e le partite, poi, ci sono scappate di mano.

Anche l’altro giorno, con Orsolini che centra Cragno, con Santander che lo colpisce sulla zucca, con Sansone che non scarica un pallone che sarebbe da corrergli dietro.



Domenica la svolta!

Ma domenica finalmente si è girato il mondo: primo rigore per un falletto “scemetto” di quel Bradaric che volevamo a giugno e che, per quel che si è visto oggi,  meglio così, e perché per una volta i legni li colpiscono gli altri.

La vittoria è meritata, nonostante un po’ di comprensibile braccino, braccino che adesso sarà necessario anche a Ferrara e Empoli.

Perché, pur giocando benino, c’era sempre uno stop che usciva un po’ masticato, un passaggio spesso un filo lento, sempre un centimetro mancante per fare un metro! Però siamo stati lì, concentrati e applicati. Ma non siamo guariti.

Abbiamo battuto il Cagliari, che in trasferta ha fatto la bellezza di 6 punti. Quindi calma con tutte le montagne russe di noi tifosi che una settimana Sinisa è un Dio e quella dopo un c******.

Giudizi singoli e su tutti: Lyanco

Con Soriano, già definito magnagol e in calo: è un gran acquisto che ha steccato qualche mezzo tempo, ma rimane un signor giocatore a cui è stata tolta la maledetta scimmia sulla spalla.

Dijks straripa, Danilo e Lyanco non sbagliano niente e diciamocelo: a noi bolognesi un giocatore ignorante come il brasiliano può solo fare impazzire. Salta 4 uomini e calcia in porta da 600 metri. Premesso che dopo il primo tempo di Milano me ne sono calcisticamente innamorato, e forse ho un eteroproblema. Io, non spendendo di mio e non avendo nessun tipo di certezza sul suo futuro andrei dal Toro adesso e direi: “Quanto costa il matto? 8milioni? Ok, questo sono 10 e col resto andate a mangiare la pizza.”

Perché di centrali bravi ce ne sono pochi pochi. Ecco!

E finalmente Dzemaili. Felice per lui, per noi, perché non sbaglia niente. Solido, applicato ed essenziale. Della serie: a volte ritornano.

E, seppur sportivamente parlando lo detesti, un plauso all’ingegner Pulga, perché a tirare rigori così ci vogliono i maroni e lui li ha avuti.

E se Sansone stesse sempre acceso e smettesse di fare l’intermittenza delle luci e di Natale, beh, sarebbe una bella freccia nell’arco-salvezza.

Pronti per Torino-Bologna?

A Torino senza paura che tutto quel che viene è grasso che cola, verosimilmente con un Destro nel motore, Sassoluosamente pronti per quella dopo, che non si può sbagliare.

Mi congedo con un ricordo: Dino Fava non si bollo’ mai finito fino alla penultima, ma tutti gli 8.000 che erano con me a Mantova sapevano che li avrebbe bollati. Si sentiva e basta.

Perché dico questo? Non lo so, ma sento che il goal-salvezza ce lo dara’ Mattia. Non so come e non so quando, ma so che succederà.

Dajeeeeeee Forza Bologna

 

Click to comment

Chi Siamo

Siamo un gruppo di tifosi – aspiranti giornalisti con l’idea di raccontare le emozioni del calcio e dello sport.

Mail : info@tifoblog.it

I Nostri Partner :

Scrivici!





Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

More in Ultime News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: