Tappa a Masnada, maglia rosa a Conti. I big se la prendono comoda…

200
Masnada a Monterotondo

GIRO D’ITALIA – La fuga a lunga gittata va in porto: per Fausto Masnada è la prima vittoria da professionista, Valerio Conti corona un sogno

Fausto Masnada e Valerio Conti vanno entrambi a segno nella 6^ tappa del Giro d’Italia, quella con arrivo a San Giovanni Rotondo.

I due italiani facevano parte di una fuga di 13 corridori che i big ha deciso di lasciare andare sin dalle prime battute, concedendo un vantaggio sufficiente a giocarsi la vittoria di tappa. Determinante in questo senso la caduta di cui è stato vittima la maglia rosa Primoz Roglic, che ha sofferto qualche escoriazione ed ha quindi preferito non correre rischi, consapevole che perdere il simbolo del primato a questo punto della corsa sarebbe probabilmente stato più vantaggioso che non conservarlo.

Dal gruppo dei 13 fuggitivi, Conti e Masnada sono andati all’attacco sull’unica vera salita di giornata, posta nel finale, e sono riusciti a fare il vuoto sugli ex compagni di ventura, giunti dopo una quarantina di secondi. Tra i due non c’è stata volata, ma entrambi sono risultati vincitori: Masnada con la prima vittoria da pro, Conti con la prima maglia rosa della sua carriera.

Il gruppo dei migliori, salito in maniera estremamente regolare è giunto dopo 7’19” e la classifica generale ne è uscita stravolta, visto che molti dei 13 attaccanti sono rientrati in gioco. In particolare si segnala Andrey Amador, 9° all’arrivo a 57″ ed ore 9° anche il classifica generale a 3’27” da Conti, ma con quasi 2′ di vantaggio su Roglic: il costaricense fu 4° al Giro d’Italia del 2015 ed è un ottimo cronoman, quindi non va sottovalutato.

Tappa 6: ordine di arrivo

Tappa 7: Vasto – L’aquila (km 184)

Da Vasto la corsa risale l’Adriatico con una tappa caratterizzata da continui saliscendi, tra i quali quelli di Ripa Teatina e Chieti ed un solo gpm, quello delle Svolte di Popoli (2^ cat.), ma anche un finale molto insidioso, soprattutto l’ultimo chilometro all’interno del centro cittadino de L’Aquila. Prima di entrare in città, si affronta la salita di Via della Polveriera con pendenze attorno al 5-6% e punte del 9%, poi la discesa verso il Castello ed il passaggio cittadino, fino ad affrontare l’ultima discesa che termina con una svolta secca verso destra ai 2 km dall’arrivo: ai -1.500 m la strada inizia a salire, ma è l’ultimo chilometro che deciderà la corsa, con una pendenza attorno al 7% ed una punta dell’11% poche centinaia di metri prima di immettersi nel rettilineo finale.


Bettini Photo tratta dal sito www.cyclingnews.com

Previous articleIl ritorno dei Lupi
Next articlePronostici serie B playoff: Spezia e Verona favorite
Impiegato e padre di famiglia, perdo ancora tempo come blogger ed eterno aspirante giornalista: dopo aver scritto per Il BiancoNero Magazine e la Federazione Italiana Sostenitori Squadre di Calcio, da settembre 2014 sono nella redazione zona sport di Tifo Blog. Recentemente ho aperto il blog Cesena Mio (www.cesenamio.it) e talvolta mi si può ascoltare come opinionista sportivo a UniRadio Cesena. Oltre all'amato Cesena calcio, seguo con immensa passione il ciclismo professionistico ed il rugby union, sport dei quali ho scritto per anni su Facebook, nonché sui siti web chorse.it e freeforall.it.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.