Luca Pellegrini, il predestinato

182
MILAN, ITALY - FEBRUARY 10: Luca Pellegrini of Cagliari Calcio in action during the Serie A match between AC Milan and Cagliari at Stadio Giuseppe Meazza on February 10, 2019 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Luca Pellegrini è ormai prossimo al trasferimento alla Juventus.

Andiamo a conoscere meglio, una delle più piacevoli sorprese dell’ultima Serie A.

E’ stato uno dei migliori in assoluto durante questa prima metà di 2019: Luca Pellegrini, dopo 6 ottimi mesi al Cagliari e reduce da un altrettanto ottimo Mondiale Under 20, è prossimo al trasferimento alla “Vecchia Signora”.

Gli inizi in giallorosso di Luca Pellegrini

Terzino sinistro classe 1999, dotato di ottima spinta, Pellegrini comincia a dare calci al pallone con la maglia del Cinecittà Bettini, approdando alla Roma nell’estate del 2011.

In giallorosso compie tutta la trafila delle giovanili (insieme al fratello più grande Lorenzo), vince lo Scudetto in tutte le categorie (Giovanissimi, Allievi e Primavera).

Con la formazione Primavera, si aggiudica oltre al tricolore, Coppa Italia e Supercoppa Italiana.

Inizio di carriera tutto in salita

Quando tutto lasciava presagire ad un salto precoce in prima squadra, ecco il primo dispiacere dell’ancora giovanissima carriera di Luca: amichevole contro la Roma dei grandi e rottura del legamento crociato nel luglio del 2017.

Stop di sei mesi e ritorno in campo a dicembre: nemmeno il tempo di riassaporare il terreno di gioco e nuovo, grave infortunio, alla rotula nel match di Primavera contro i pari età del Milan.

A causa di questi due gravi infortuni, Pellegrini totalizza due sole presenze in giallorosso. Nonostante ciò, la società giallorossa gli rinnova il contratto e l’allora tecnico della prima squadra, Di Francesco, lo convoca per le ultime giornate della Serie A 2017-2018.

L’esordio di Luca con i grandi

Nella stagione 2018-2019, viene aggregato definitivamente alla prima squadra.

Il 26 settembre 2018, esordisce in Serie A nel corso del derby contro il Frosinone, subentrando a Daniele De Rossi.

Una sorta di investitura vera e propria.

Per non farsi mancare nulla, nell’arco dell’incontro, regala a Kolarov l’assist per il 4-0.

Il 2 ottobre esordisce in Champions League contro il Viktoria Plzen, mentre il 12 dicembre, dopo essere subentrato nel finale a N’Zonzi, si fa espellere contro i russi del Cska Mosca.

Sei splendidi mesi in Sardegna

L’ultimo giorno di calciomercato invernale, viene ceduto in prestito a Cagliari.

In Sardegna, soffia il posto a Lykogiannis e si rende protagonista di tante prestazioni brillanti, che lo fanno entrare nel cuore dei tifosi rossoblu a suon di corsa, sgroppate sulla fascia ed innumerevoli cross al centro (media di oltre 3 cross riusciti, non male per un terzino).

Totalizza 12 presenze, che lo consacrano al grande pubblico, prima di rientrare alla base per fine prestito.

Mondiale Under 20 e approdo alla Juventus

Partecipa al Mondiale Under 20 e si distingue soprattutto per la sua grande duttilità: il ct Nicolato lo schiera da interno di centrocampo in una mediana a 5, con ottimi risultati.

Ora lo sbarco in bianconero: resta da vedere se, da subito, Pellegrini farà parte in pianta stabile del “Sarri Ball”, oppure se si farà un altro anno a farsi le ossa.

Pellegrini, in Sardegna, ha lasciato un ottimo ricordo: chissà se ci sarà spazio per un altro grande anno a sgroppare sulla fascia della Sardegna Arena, oppure se Sarri gli concedere l’onore di farsi notare subito, tra big bianconeri e del nostro campionato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.