ABBRACCIO ROSSONERO: MILAN, FINO A DOVE PUOI ARRIVARE?

289

berlusconi-curva-sud-milan

 

Chiedersi fino a dove questo Milan possa arrivare è davvero lecito vista la conclusione di questo 2016. Vediamo quanto i tifosi del Diavolo possono sognare

Nessuno, me compreso, si sarebbe aspettato una posizione in classifica così favorevole a fine anno. Non dimentichiamoci che la squadra guidata dall’Aeroplanino ha una partita in meno a causa della Supercoppa: trofeo vinto con merito e contro ogni pronostico. Montella è riuscito dove tanti prima di lui hanno fallito clamorosamente, escludendo Mihajlovic nella prima parte della passata stagione: ma la personalità forte e a volte esagerata di Sinisa, a lungo andare, non ha fatto altro che aumentare il clima di “terrore” e incertezza psicologica che regnava nello spogliatoio fino all’anno scorso. E’ proprio grazie al lavoro svolto quest’anno dal Mister che sono molto ottimista per il proseguo di stagione  anche senza eventuali puntellamenti in quella che è la rosa attuale. Abbiamo la panchina corta, è vero, ma è innegabile che il numero di partite da affrontare sono tali da permettere ai nostri ragazzi di sostenerle senza problemi dal punto di vista fisico. Che poi avere uno o due giocatori di qualità in rosa in più non faccia mai male è fuori discussione, ma visto l’equilibrio trovato attualmente si potrebbe anche procedere rimanendo quelli che siamo. Non dimentichiamoci che abbiamo ancora il Capitano fermo ai box, e al suo rientro potremmo contare su un valido giocatore pronto a tornare, o forse diventare, protagonista di questa squadra. Un altro elemento da tenere in considerazione questo primo semestre del 2017 è Bertolacci, chiamato alla prova decisiva dopo i lunghi problemi fisici alternati a prestazioni pessime che lo hanno sempre limitato tantissimo, oltre a metterlo in cattiva luce agli occhi dei tifosi. Anche Mati Fernandez sta pagando l’infortunio di inizio stagione, ma sono sicuro che saprà ritagliarsi il suo spazio per aiutare il Diavolo a combattere in ogni partita. In difesa posso dire che siamo a posto così. Ricorderà tanto uno slogan tanto caro a Galliani ma è davvero così. Paletta-Romagnoli formano attualmente una delle coppie difensive più affidabili nel panorama europeo, Abate sembra rinato e De Sciglio con Antonelli forma una buona coppia da alternare a sinistra. Gomez e Zapata hanno comunque offerto buone garanzie: problemi, quindi, non ne vedo. Dovessi investire personalmente, farei una follia in attacco. Fuori Bacca,Adriano e Niang per poi andare a bussare da Cairo per Belotti. Vedo in lui il profilo ideale per potersi caricare in spalla la squadra. Quando gioca mi esalto. Insieme a Lapadula avremmo due centravanti da far invidia a tutte le altre pretendenti. Di sicuro non lotteremo per il titolo e vedo difficile, molto difficile, una qualificazione in Champions. Quello che è certo è che quest’anno il Milan ci ha sorpreso. Proprio per questo motivo non mi sento di escluderlo totalmente, alla fine cosa costa sognare che la propria squadra vada oltre i propri limiti? Solo pochi mesi fa il Leicester di Ranieri ha fatto storia e ci ha insegnato che molte volte il cuore e la forza di un gruppo affamato non conoscono ostacoli. E i ragazzi che abbiamo quest’anno a Milanello possono insegnare a tanti cosa voglia dire lottare assieme per i propri colori. Erano anni che non vedevo quella luce negli occhi dei miei beniamini. Milan, ti chiedo solo una cosa: regalaci un 2017 pieno di emozioni, quelle di quest’anno hanno già iniziato a scaldarci il cuore come non succedeva da troppo tempo. Forza Diavolo!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.