Atalanta: Il cuore non basta, questo il pensiero dei tifosi

214

Contro il Palermo, la Dea fa uscire il cuore, nuovo spirito e nuovo modulo…piace ma non basta e all’ultimo la beffa…

Dopo i primi 10 minuti di assestamento, l’Atalanta fà uscire il cuore e inizia a spingere sull’acceleratore e ad attaccare senza sosta, un gioco più fluido, diverso, sia nello spirito che nel modulo che per alcuni interpreti, il vero peccato è non aver concretizzato le occasioni create e aver subito un gol su un errore elementare di Konko.

La partita di domenica ha fatto male alla squadra e si vocifera di un presidente infuriato, in quel di Zingonia, dove avrebbe chiamato tutti a rapporto, ribadendo la fiducia a Gasperini e chiedendo alla squadra di tirar fuori gli attributi. Gesto doveroso nei confronti del tecnico che si è trovato con una squadra: difficile da gestire a livello tattico per le qualità dei singoli,incompleta e con giocatori che mai avrebbe voluto nelle sue file. Insomma il numero uno Bergamasco alza la voce ma su errori suoi e quindi mi viene da dire “chi è causa del suo mal pianga se stesso” non fosse che a pagarne le conseguenze siano anche quelle migliaia di persone che amano l’Atalanta e sopratutto quei 10 mila e rotti tifosi che hanno sottoscritto l’abbonamento…loro si che hanno fatto una scelta di cuore, spendendo dei soldi per una squadra ad occhi semibendati, affidandosi solo alla buona fede della società.

Comunque il nuovo 4231 piace e fa intravedere un gioco più pulito, più scorrevole, che riesce a mettere un pizzico di pressione in più all’avversario. Pinilla in questo periodo è sicuramente più in palla di Paloschi. A Gomez, stanco ma ci mette sempre la grinta, un pò di fortuna in più non guasterebbe, D’alessandro e Spinazzola si muovono e si sbattono anche se manca la precisione su alcuni passaggi, Kessiè sempre sul pezzo anche se in fase leggermente calante, a volte pecca di egoismo… ma che giocatore! Freuler nota dolente pochi i palloni toccati, la difesa in generale si muove bene, con un Palermo schierato in modo da mettere pressione ai terzini, peccato per l’erroraccio imperdonabile di Konko sul calcio d’angolo da dove è scaturito il gol. Inizialmente, infatti, Konko va a coprire il primo palo, per poi allontanarsi senza un motivo, lasciando scoperto proprio la zona infilata dalla spiazzata di testa Palermitana…concretizzata insomma una delle pochissime azioni d’attacco rosanero e beffati i nostri negli ultimi minuti di partita.

Ora non c’è più margine, e lunedì sera contro il Crotone c’è solo una possibilità, la vittoria, l’ultima chance per allontanarsi dalla zona pericolante della classifica, anche perchè dopo il Crotone il calendario non ci sarà amico.

Buona Atalanta a tutti

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.