Atalanta: un punto con la Viola, ma va bene così!

233

Pareggio a reti inviolate con la Fiorentina, un avversario non esattamente nel suo momento migliore, ma comunque un avversario di un certo prestigio.

LE FORMAZIONI

Nell’Atalanta pesa l’assenza di Kessiè: per sostituirlo Gasperini abbassa Kurtic al fianco di Freuler, con l’inserimento nel tridente offensivo di D’Alessandro, con il Papu spostato a sinistra e Petagna punta centrale. Per il resto classica formazione. Per la Fiorentina modulo speculare (3-4-2-1), con Bernardeschi acciaccato che parte dalla panchina. Sugli esterni Chiesa a destra e Borja Valero a sinistra (posizione per lui inedita). Alle spalle di Kalinic c’è la coppia Tello-Ilicic.

LA PARTITA

La partita, a livello di occasioni, è abbastanza equilibrata. Non troppe, nè da una parte nè dall’altra, ma sono i nostri  a condurre la gara per la maggior parte del tempo. Purtroppo questa volta è mancata quella brillantezza necessaria là davanti per portare a casa i 3 punti. Il migliore in campo probabilmente risulta comunque Tatarusanu.

L’Atalanta parte subito forte, creando molti pericoli nei primi 20 minuti di gara sulla fascia sinistra con Spinazzola e Gomez, con Carlos Sanchez che ogni volta che viene puntato dal Papu non ci capisce nulla. Petagna sfiora il secondo palo con un sinistro rasoterra. Pian piano però la Viola prende le misure alla Dea ed inizia ad alzare il baricentro, creando un’occasione colossale con Kalinic che tutto solo spedisce a lato di testa, e due altre buone occasioni rispettivamente con Gonzalo e Tello, sulle quali Berisha si fa trovare pronto. Per i nostri importanti occasioni con D’Alessandro, che spedisce alto dall’altezza del dischetto del rigore, e nel finale con Petagna, che sbaglia l’aggancio in area.

Ad inizio ripresa, Gasp sostituisce il deludente D’Alessandro con Grassi, che entra subito bene in partita, avanzando la posizione di Kurtic, che poi verrà sostituito da Meunier. La partita rimane sempre nelle mani della Dea, che prova più volte a sbloccare il risultato. Due le occasioni clamorose: prima il Papu salta (per l’ennesima volta) Sanchez, mette in mezzo per Petagna che da 2 metri con una zampata sfiora il gol ma Tatarusanu miracolosamente (e anche MOLTO fortunatamente) si oppone. Poco dopo, Grassi dal limite sfiora l’incrocio dei pali… ma la palla non ne vuole sapere di entrare! Gli ospiti creano qualche pericolo, ma nulla di clamoroso. Nel finale, mister Gasperini prova a buttare nella mischia Paloschi, ma niente da fare! Finisce 0-0.

CONCLUSIONE

Inutile negarlo, il rammarico per non averla portata a casa rimane, soprattutto perchè è mancata quella lucidità e quella convinzione che si è vista in altre occasioni (come a Napoli). Non si può tuttavia rimproverare  nulla ai ragazzi, che hanno fatto comunque una buonissima prestazione contro un avversario sulla carta superiore. Rimaniamo lì, in piena zona Europa, e anche se il terzo posto si è allontanato di 2 punti, noi non molliamo! MAI! Abbiamo voglia d’Europa! ATALANTA MOLA MIA!

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.