I baby Locatelli e Donnaruma affondano la Juve

228

Milan-Juve sabato sera ha regalato spettacolo ed emozioni a uno stadio da tutto esaurito.Grande vittoria del Milan contro la Juventus, grazie a un’insaccata fulminante di Locatelli. Un succeso sulla Juve in Serie A dopo sette gare e altrettante sconfitte (l’ultima volta risaliva al novembre 2012).

Un Milan che ha retto benissimo l’assedio  juventino e ha portato a casa tre punti fondamentali. Umile abbastanza da coprirsi e ripartire in contropiede, come ha fatto ieri contro la Juve, avversario dal  tasso tecnico maggiore e conseguente superiore capacità di palleggio. La partita è stata decisa dall’ormai predistinato, come dice il tecnico Montella , Manuel Locatelli. Lui ricorderà questa notte per tutta la vita: non capita a tutti a 18 anni di segnare un gol in un Milan-Juventus a Gigi Buffon.

Locatelli dà ordine alla squadra per tutti i 90 minuti, gioca semplice, ma si rivela una scelta vincente. Come lo è stato due settimane fa: al primo tiro in porta in carriera contro il Sassuolo, goal spettacolare. E s’è ripetuto alla seconda conclusione addirittura contro sua Maestà Gigi Buffon, regalando al Milan il successo contro la Juventus.

Locatelli Dovrà anche dimostrare di avere le spalle larghe per sopportare i paragoni che lo accompagneranno nei prossimi mesi; a partire dall’etichetta di erede di Pirlo. Montella gli ha consegnato le chiavi del gioco risolvendo senza grossi dubbi il ballottaggio con Sosa.

La partita è stata risolta anche dal suo portierone Gigio Donnaruma, che quando viene chiamato in causa risponde sempre bene.

curva-rossonera-2

Gift card 300x250

La curva rossonera prima del fischio finale

Decisivo nel finale con un super intervento su Sami Khedira.

E’ incredibile che la partita l’hanno vinta un ’98 e un ’99. Poco Importa se il gol di Pjanic era regolare su punizione  a metà tra un cross e un tiro, nessuno tocca il pallone che s’insacca alle spalle di Donnarumma. L’arbitro Rizzoli assegna inizialmente il gol ai bianconeri, poi lo annulla dopo due minuti di proteste rossonere e dopo essersi consultato con gli assistenti.

La grande vittoria sulla squadra più forte del campionato rimane e il sogno Champions e chissà magari qualcosa di più continua già da martedi contro il Genoa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.