Bari, altro pareggio fuori casa e la vetta si allontana

20

Due punti persi per i biancorossi

Si, perchè parliamoci chiaramente, l’obiettivo è quello, la vetta della classifica. E visto che ad un certo punto eravamo a meno quattro e poi, al fischio finale, siamo arrivati addirittura (e di nuovo) a meno otto, un po’ brucia. Perchè quelli di ieri, al netto di una buona Cavese, per il Bari sono stati due punti persi, soprattutto pensando allo 0-1 che era arrivato alla fine del tempo, grazie al solito Antenucci. La gestione del vantaggio nel secondo tempo non è stata esemplare, come successo a Monopoli e in altre circostanze, e inutile è risultato il forcing finale alla ricerca della vittoria, con quattro giocatori offensivi tutti insieme ma purtroppo poca precisione e troppa frenesia, soprattutto nella clamorosa occasione fallita da Terrani. I biancorossi quindi alla fine non vincono dalla trasferta di Caserta di dicembre, e per una squadra che rincorre sicuramente non è di buon auspicio.

Partita con troppi errori e poca concretezza

A livello tattico non è cambiato molto nella partita di ieri, forse Maita meritava ancora ancora una maglia da titolare a discapito di Scavone (aspettando il rientro di Hamlili) ma probabilmente si è pensato a farlo riposare in vista della Ternana. Gran lavoro invece per le punte che si sono mosse molto, soprattutto per Laribi che ha svariato su tutto il fronte d’attacco cercando il guizzo che non è arrivato ma bisogna dire che la sua è stata comunque un’ottima partita. Il problema piuttosto è stato lo schieramento della Cavese che si chiudeva molto bene e ripartiva velocemente grazie al solito Russotto, decisamente in giornata di grazia e protagonista nell’azione del pareggio, arrivato poi su una deviazione di testa da parte di Maza, con un Sabbione (e non solo lui) non attentissimo a dire il vero. Insomma, come ha dichiarato Vivarini in sala stampa, non è stata una brutta prestazione ma è chiaro che si deve fare molto ma molto di più, in partite importanti come queste, a livello di concretezza. Il diciottesimo gol di Antenucci, solo al comando della classifica marcatori, e il ventiduesimo risultato utile consecutivo rimangono, al momento, una magra consolazione, anche se il campionato del Bari rimane importante e di ottimo livello. Penso che nessuno possa affermare il contrario.

Domenica da dimenticare, in tutti i sensi

Chiudo con una considerazione sugli scontri avvenuti ieri in autostrada tra (presunti) tifosi del Bari e del Lecce. Inconcepibile che accadano queste cose nel 2020, però attenzione, come non giustifico le azioni della frangia dei nostri non esprimo assolutamente solidarietà agli altri (come hanno fatto invece illustri personaggi locali e non), semplicemente perchè verificate le dinamiche non penso che questi ultimi possano definirsi “angioletti”, come vuole far credere una certa parte di stampa o di social. Una brutta domenica in tutti i sensi, passiamo oltre e pensiamo alla difficile trasferta di Terni, che si giocherà mercoledì sera. Sperando che passi la pareggite da trasferta e si torni a convincere sia nella prestazione che nel risultato. Oltre ovviamente ad aspettarci buone notizie dal derby di Catanzaro. Sempre e solo Bari!

fonte foto SSC BARI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.