Bari, arriva il riscatto contro la Juve Stabia

19

Bari-Juve Stabia, vittoria e buona reazione

Quando il Bari perde il mio stato d’animo è un po’ come quando litigo con mia moglie, metto il muso per qualche giorno. Poi però basta una vittoria, una buona reazione, e torna il sorriso. E questa domenica per fortuna è andata così, con la squadra biancorossa che torna a fare bottino pieno, con una prestazione magari non convincente al 100%, ma oggi l’importante era di sicuro scrollarsi di dosso le “scorie” del derby perso malamente contro la squadra “Y”. Non che ci volesse tanto a far meglio, però non era neanche una partita scontata, contro le vespe stabiesi. Ne è venuto fuori un 2-0 che poteva anche essere più rotondo nel punteggio se nel secondo tempo il portiere della Juve Stabia non avesse negato con due strepitosi interventi il terzo gol a Montalto, e se magari D’Ursi e Citro fossero stati meno egoisti e precipitosi nelle battute finali. Poco male, tre punti in cassaforte e subito testa alla prossima partita, importante, contro il Potenza, nel turno infrasettimanale.

Cose buone e meno buone, oggi

La partita di oggi, in ogni caso, ha evidenziato i soliti pregi e difetti di queste prime giornate, ovvero una squadra che va a fiammate, che si prende forse un po’ troppe pause durante i novanta minuti e che in alcune occasioni dovrebbe essere molto più cinica, sfruttando meglio le palle gol che capitano. Il gioco in generale c’è, ma come dice Auteri la perfezione non è ancora arrivata dalle parti del San Nicola. Diciamo che alcuni calciatori devono ancora entrare pienamente nei meccanismi del tecnico siciliano, ed è questo che si nota sulle fasce e a centrocampo, soprattutto.

Due eurogol decidono la partita

Oggi comunque abbiamo assistito a due grandi gol, che hanno deciso il match, entrambi dalla distanza. Quello di Montalto su punizione e l’altro di Antenucci, che se fosse stato realizzato in serie A sarebbe stato riproposto per tutta la settimana in tv. Quando c’è da fare la differenza, il lupo di Roccavivara risponde sempre presente. Per l’attaccante siciliano invece si tratta della seconda segnatura, che conferma una crescente condizione fisica e una sensazione che nello scacchiere biancorosso, in attacco, ci debba sempre essere posto per un centravanti così, alla vecchia maniera. Bene anche D’Orazio e benissimo anche Maita, un play di centrocampo che davvero non si vedeva da tempo in riva all’Adriatico. Più che altro il problema al momento rimane ancora il partner del centrocampista siciliano, con Bianco e Lollo che faticano e De Risio che è appena rientrato da un infortunio. Ma come già scritto, i meccanismi sono ancora da oliare per benino.

Potenza e Ternana i prossimi avversari

Vincere di sicuro aiuta, e speriamo di assistere al bis mercoledì prossimo, anche perchè la Ternana (nostra avversaria tra due turni) fino adesso non ha perso un colpo e di assistere ad una marcia in stile Reggina non ne abbiamo proprio voglia. Le due prossime partite saranno dunque già decisive, guai a fallire. Sempre e solo Bari!

fonte foto SSC BARI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.