Cagliari, Borriello, SPAL: è un circolo vizioso

329

Le strade di Cagliari, della SPAL e di Marco Borriello, si incrociano nuovamente, a poche settimane dal clamoroso trasferimento a fine mercato. E pensare che tutto comincio in un caldo ferragosto di un anno fa…

15 agosto 2016: a molti, questa data ricorda un semplice ferragosto di un anno fa.

Ai tifosi di Cagliari e SPAL, questa data ricorda un roboante 5-1 in Coppa Italia dei rossoblu ai danni dei ferraresi, timbrato da Sau e per ben 4 volte da Marco Borriello, ai tempi “neo bomber rossoblu”, con un certo Bobo Vieri che inizia il countdown per le vacanze da pagare all’attaccante partenopeo.

Quella data segnò l’inizio della rinascita dell’attaccante rossoblu, che da li in poi continuò a segnare, disputando una delle stagioni migliori in carriera a 34 anni suonati, una salvezza tranquilla per i rossoblu (nonostante qualche imbarcata di troppo) e l’alba di una stagione pazzesca per i ferraresi, che culminò con una clamorosa doppia promozione nella massima serie dopo decenni.

Un anno dopo, questo triangolo si è infittito ancora di più: Borriello, dopo un’estate passata a rinnovare il contratto e contemporaneamente a curare il “mal di pancia”, alla fine si è accasato proprio ai ferraresi, insieme all’amato (dai tifosi) e mal compreso (da Rastelli) Salamon.

A tre settimane da tutto ciò, le strade di Cagliari, SPAL e Borriello si incrociano nuovamente, visto che domenica è prevista proprio SPAL-Cagliari.

I ferraresi, arrivano al match in un ottimo momento di forma, dopo l’ottimo esordio con la Lazio ed il successo di Udine, è arrivata la sconfitta contro l’imbattuta Inter in quel di San Siro.

I rossoblu, dopo i ko esterni contro Juve e Milan, hanno potuto gioire per il primo successo stagionale nella sua nuova (provvisoria) casa, la Sardegna Arena, contro il Crotone e firmato proprio da quel Marco Sau che aveva contribuito, proprio con Borriello, in quel “normale” ferragosto di cui abbiamo parlato quando abbiamo cominciato a buttar giù l’articolo.

Che sia un segno premonitore? O meglio, la definitiva chiusura del cerchio?

A voi i commenti!

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.