Calciomercato Roma: un romanzo inconcluso alla Calvino

189
photo by www.foxsports.com

Calciomercato Roma: se una notte d’inverno un (Sabatini) viaggiatore. Nel romanzo di Calvino si narra la storia di un lettore che, nel tentativo di leggere il romanzo di cui sopra, per cause misteriose è costretto a interrompere la lettura e iniziare a leggerne un altro, senza completarne neanche uno. Si riflette dunque sulla varietà delle possibilità offerte dalla vita in generale che non portano mai a una conclusione. Inconcludente e non realizzato: queste sono le definizioni più calzanti per il mercato estivo della Roma. Certo è che se il colpo grosso del mercato sarebbe stato Wilshere, forse è meglio che sia finita senza una fine. Sfuma un giocatore che ha passato più tempo in infermeria che in campo, per cui non c’è da rammaricarsi. Il rammarico è piuttosto per questa impressione di un mercato dimesso da parte della Roma, senza un vero colpo, una sferzata oppure quel guizzo a cui, in questi anni, il nostro caro Sabatini ci aveva abituati. E pensiamo ai colpi lastminute come Dzeko e Salah dell’anno scorso, Iturbe nella stagione precedente, il quale seppure non si sia affermato all’epoca aveva fatto entusiasmare tutti). Per non parlare di Strootman, Benatia, Maicon e Gervinho nel 2013, Destro, Balzaretti e Marquinhos nel 2012, senza considerare il le ultime 24 ore di mercato del 2011 quando arrivarono Pjanic, Gago, Borini e Kjaer.

Sabatini non ha completato il suo romanzo e sembra davvero arrivato al capolinea. Il direttore sportivo della Roma ha detto che non lascerà i giallorossi prima del termine del proprio contratto fissato a giugno del 2017. Il direttore sportivo più affumicato della serie A ha confermato che vuole concludere le trattative della Roma anche a gennaio 2017, e ha ottenuto piena fiducia dagli Stati Uniti: il presidente Pallotta lo ha confermato anche nella giornata di chiusura della campagna acquisti. Ma non si sono resi conto che oltre a essere affumicato è diventato anche fumoso?

Sono andati via Vainqueur, Ricci, Torosidis e Sadiq. Abbiamo salutato De Santis e accolto il portiere titolare della nazionale brasiliana Alisson, ma siamo corsi ai ripari pregando l’Arsenal di lasciarci Szczesny, che non ha brillato nelle ultime gare. Abbiamo detto addio a Castan, Gyomber, Zukanovic, Maicon, Digne e Keita per accogliere, al loro posto, Vermaelen, Fazio, Jesus, Mario Rui e il “colpaccio” Bruno Peres, che si aggiunge al ritorno del figliol prodigo Paredes. Poi è partito Pjanic, ma è arrivato uno sbarbatello dal Brasile inseguito da tutta Europa: Gerson. La Roma ci ha guadagnato oppure ha perso qualcosa? Aspettiamo i commenti nello spazio a voi riservato!

Fatto sta che siamo delusi per non aver assistito al colpo di genio a cui ci aveva abituati Sabatini da quando governa il mercato capitolino. Dov’è quella mossa a sorpresa che nessuno aveva potuto prevedere? Qual è il motivo di questo mercato dimesso? I soldi? Il mancato incasso a causa del non raggiungimento dell’obiettivo qualificazione in Champions? Oppure la Uefa che tiene sotto la lente di ingrandimento il bilancio della Roma?

Il romanzo non è completo. Non c’è stata una fine degna e forse tutta la campagna acquisti ha lasciato l’amaro in bocca in primis a Spalletti, e poi a noi tifosi fra cui quelli del Roma club Milano. È pur vero che il tifoso della Roma è talmente innamorato della propria squadra che non l’abbandonerà mai. Eppure questa società ce la sta mettendo tutta: dalla divisione della curva a un calciomercato privo di grandi colpi, per arrivare alle plusvalenze che fanno bene soltanto alle tasche del presidente. Il malcontento fra i tifosi è ormai un virus diffuso e a Roma, una volta che si è sparso il germe, sarà difficile tornare indietro. Il romanista te le fa passare tutte, caro presidente, ma a “una certa” potrebbe perdere la pazienza e si finisce come ai tempi delle avversità contro la Rosella.

Be careful Mr Pallotta, perché il tuo faccione simpatico da italoamericano comincia a non starci più così simpatico!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.