Tra Cesena e Bari, alla fine è giusto il pari…

257
Cesena-Bari-735x400

Si conclude in parità la sfida del Manuzzi: Cesena in vantaggio con Laribi al 13′, poi la sfortunata autorete di Suagher al 50′ consegna il pareggio al Bari

Nel posticipo serale della prima giornata di ritorno, la 22^ del campionato di serie B, il Cesena pareggia 1-1 in casa contro il Bari al termine di una partita combattuta ed equilibrata. Un punto che soddisfa, soprattutto visti i risultati delle dirette concorrenti, ma che allo stesso tempo lascia un po’ di amaro in bocca per come è maturato. I bianconeri, infatti, hanno disputato una buonissima partita, peraltro contro una delle squadre più accreditate del torneo che, nonostante alcune buone occasioni create, ha trovato la via del gol solo grazie a un enorme regalo del neoarrivato Suagher.

I romagnoli partono decisamente meglio e così al 13’ trovano un meritato vantaggio: Schiavone (finalmente recuperato insieme a Di Noia) recupera un pallone perso da Basha e serve subito Jallow che libera Laribi in area, il quale apre il piatto sinistro e batte l’incolpevole Micai. Sopra di un gol, i bianconeri continuano a creare occasioni, soprattutto con Kupisz e la trottola Jallow, ma con l’andare dei minuti il Bari cresce e sfiora il pari con Kozak, che per ben due volte si trova da solo davanti a Fulignati, ma manca l’impatto col pallone, e con Improta che brucia Donkor e conclude a lato di poco con il sinistro. Nella ripresa, il Cesena da l’impressione di essere più fresco fisicamente, ma in un men che non si dica permette agli ospiti di pareggiare: sull’innocuo cross di Sabelli  manca l’intervento Scognamiglio e la palla carambola su Suagher che, sorpreso, lo colpisce maldestramente di testa depositandolo in fondo alla propria porta. Potrebbe essere un colpo mortale al morale della squadra, invece i bianconeri reagiscono alla grande e sfiorano a più riprese il gol vittoria con Laribi, Kupisz e Jallow, ma il pallone proprio non ne vuole sapere di entrare nella porta del Bari. Dopo tanto dispendio di energie, nel finale di partita i giocatori di casa appaiono un po’ sulle gambe e così l’occasione più clamorosa per passare in vantaggio capita sui piedi di Cissè, che colpisce l’incrocio dei pali e poi la riga bianca della porta romagnola. Sarebbe stata una beffa atroce, dopo una partita giocata alla pari e nella quale si sarebbe anche potuto raccogliere di più senza lo sfortunato episodio che ha visto protagonista il difensore centrale al debutto in bianconero.

Nonostante il rammarico, un punto che va più che bene, considerato che  già nel primo tempo il Bari avrebbe meritato il pareggio, oltre ad aver avuto nei minuti finali la chance per espugnare il Dino Manuzzi. E’ però altrettanto vero che i galletti non hanno segnato e non sapremo mai come sarebbe finito il match senza quel beffardo autogol di Suagher. In ogni caso, la prestazione del Cesena è stata molto positiva, decisamente migliore di quanto visto contro Parma, Cremonese e Palermo, squadre dello stesso livello di questo fortissimo Bari. Importantissimo per gli equilibri del centrocampo il recupero di Schiavone e Di Noia, schierati in coppia dal primo minuto da Fabrizio Castori a discapito del nuovo acquisto Emmanuello, entrato in campo solo nei minuti conclusivi: i due mediani, con il loro pressing  soffocante, hanno inaridito le fonti del gioco biancorosso e si sono rivelati fondamentali, soprattutto ora che è stato ceduto Kone. E poi, nonostante l’autogol, anche la difesa ha disputato un’ottima partita, ma resta evidente che manchi un terzino sinistro, visto che Mordini fatica a trovare spazio e Donkor e Perticone sono sostanzialmente difensori centrali adattati sulle fasce.

SEMrush

Con una classifica che oggi vedrebbe il Cesena in salvo, il pensiero va già al Venezia, una squadra ostica che però non vince da 8 partite e sarà priva di un giocatore chiave come Bentivoglio, espulso al termine della partita persa contro la Salernitana: la sensazione è che se il Cesena giocherà come ha fatto ieri sera, potrà mettere seriamente in difficoltà i lagunari ed uscire dallo Stadio Penzo con uno (o più) punti…


Articolo in collaborazione con www.cesenamio.it – Testo di Matteo Magnani – Foto di Luigi Rega tratta dal sito www.cesenacalcio.it

Previous articleInter – Roma: un pareggio che sa di brodino meneghino
Next articleDal quartiere veronese: smarrita la retta via
Impiegato e padre di famiglia, perdo ancora tempo come blogger ed eterno aspirante giornalista: dopo aver scritto per Il BiancoNero Magazine e la Federazione Italiana Sostenitori Squadre di Calcio, da settembre 2014 sono nella redazione zona sport di Tifo Blog. Recentemente ho aperto il blog Cesena Mio (www.cesenamio.it) e talvolta mi si può ascoltare come opinionista sportivo a UniRadio Cesena. Oltre all'amato Cesena calcio, seguo con immensa passione il ciclismo professionistico ed il rugby union, sport dei quali ho scritto per anni su Facebook, nonché sui siti web chorse.it e freeforall.it.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.