Per il Cesena un pareggio 0-0 a Parma che va benissimo !

301
Parma-Cesena

Al termine di una partita povera di emozioni, il Cesena conquista un buon pareggio a reti bianche a Parma e muove ancora la sua classifica

Dopo aver superato brillantemente il Pescara nel match di venerdi scorso, il Cesena cercava di allungare la serie di risultati utili (seppur non consecutivi) a Parma. Al momento, i gialloblù erano una delle squadre più scomoda da affrontare, visto che il punto di forza della formazione del bravo Roberto D’Aversa è la fase difensiva e le palle inattive, caratteristiche che avrebbero potuto creare parecchi fastidi ad una squadra piuttosto fragile in difesa (e specialmente sui calci da fermo) come il Cesena. Inoltre, andava tenuto in debita considerazione il fatto che i padroni di casa fossero la seconda forza del campionato, smaniosi di vincere per non lasciar scappare la capolista Palermo. Alla luce di tutto ciò, uscire con un punto dal Tardini sarebbe stato un successo.

Ed alla fine, la missione è compiuta! Il Cesena riesce ad inchiodare il Parma sullo 0-0, peraltro senza nemmeno subire grossi pericoli. Nel primo tempo i bianconeri soffrono parecchio, giocando prevalentemente nella loro metà campo e subendo il grande possesso palla avversario (a fine partita risulterà essere addirittura il 71%), ma i padroni di casa appaiono poco ispirati e le poche  occasioni da rete arrivano soltanto dalle iniziative individuali di Insigne che perlopiù conclude dalla lunga distanza (attento Fulignati nell’unica conclusione pericolosa). Nella ripresa invece i bianconeri giocano con un altro piglio, attaccando più frequentemente e con più coraggio, fino a sfiorare la rete con Laribi che cerca di approfittare del pasticcio di Lucarelli, ma il cui tiro viene prontamente alzato in angolo da Frattali. L’incontro termina così a reti bianche, risultando piuttosto noioso e ricco soltanto di calci d’angolo (6 per parte), ma per il Cesena va benissimo così.

La prestazione della formazione di Fabrizio Castori è stata positiva e non meramente rinunciataria, soprattutto nella ripresa, e lascia ben sperare pensando al prossimo futuro. Ora il Cesena è finalmente una squadra che può giocarsela con tutti, dati i 18 punti ottenuti nelle 12 partite disputate sotto la nuova gestione tecnica. Una media di un punto e mezzo a partita, non così distante da quella dello stesso Parma (1,63) ora terzo in classifica e addirittura superiore a quella di Cittadella, Cremonese e Venezia (1,47), le squadre che attualmente occupano gli ultimi posti buoni per i playoff. Ciononostante, la salvezza deve rimanere l’obiettivo primario, fondamentale per la sopravvivenza stessa del club, ma se i bianconeri confermeranno la loro forza offensiva ed allo stesso tempo cresceranno nel reparto difensivo, allora nessun traguardo sarebbe precluso…

SEMrush

Ma non è tempo di sognare, il campionato procede a ritmo serrato e tra pochi giorni il Cesena sarà chiamato ad un altro difficilissimo impegno: giovedì sera al Dino Manuzzi arriverà infatti la lanciatissima capolista Palermo, un avversario molto tosto, ma che con una super-prestazione si potrebbe anche battere.


Articolo in collaborazione con www.cesenamio.it – Testo di Matteo Magnani
Immagine tratta dal sito www.cesenacalcio.it

Previous articleParma – Sei seconde punte non fanno una prima punta
Next articleMAGICA DEA, CHE PECCATO! E CHE ILICIC…
Impiegato e padre di famiglia, perdo ancora tempo come blogger ed eterno aspirante giornalista: dopo aver scritto per Il BiancoNero Magazine e la Federazione Italiana Sostenitori Squadre di Calcio, da settembre 2014 sono nella redazione zona sport di Tifo Blog. Recentemente ho aperto il blog Cesena Mio (www.cesenamio.it) e talvolta mi si può ascoltare come opinionista sportivo a UniRadio Cesena. Oltre all'amato Cesena calcio, seguo con immensa passione il ciclismo professionistico ed il rugby union, sport dei quali ho scritto per anni su Facebook, nonché sui siti web chorse.it e freeforall.it.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.