Il Cesena rimonta il Sassuolo e va ai quarti di Coppa Italia

301

Il Cesena conquista i quarti di finale di Coppa Italia dopo 46 anni grazie alla sorprendente rimonta ai danni del Sassuolo, battuto 1-2 al Mapei Stadium

Il 2017 del Cesena si è aperto con la sorprendente impresa esterna di Reggio Emilia contro il ben più attrezzato Sassuolo, valsa la prestigiosa e storica qualificazione ai quarti di finale di Coppa Italia, risultato che mancava da ben 46 anni. L’ex calciatrice azzurra e nota giornalista sportiva Katia Serra ha commentato in diretta la partita su RAI 2, poi ci ha dedicato un po’ del suo tempo per rilasciarci il suo commento post partita:

Katia-Serra-300x204“Contro il Sassuolo un Cesena dai due volti: male nella prima frazione, decisamente meglio nella ripresa. I bianconeri hanno offerto una discreta fase difensiva ed il nuovo modulo proposto da Camplone ha garantito maggiore densità e copertura con i 5 centrocampisti. Sicuramente il Sassuolo ha avuto il grosso demerito di non chiudere i conti: i nero-verdi sono apparsi un po’ pigri, poco determinati e potevano fare meglio. I romagnoli invece hanno avuto il merito di crederci, di essere cinici, sfruttando le occasioni create. Una volta passati in vantaggio hanno gestito con lucidità il risultato fino alla fine”.

“Tra i bianconeri mi sono piaciuti tanto Laribi e soprattutto Renzetti (il Che bello è del match – NDR) che sulla sinistra hanno lavorato benissimo. Anche Perticone ha fatto molto bene, caparbio nel contenere e limitare Ragusa, specialmente nel secondo tempo. Decisivi anche gli ingressi dalla panchina: mi ha sorpreso vedere Garritano mezzala, ma devo dire che lui e Schiavone hanno alzato il livello tecnico della squadra nel momento chiave del match. Rispetto a Cinelli, Schiavone quando è entrato ha dato una qualità superiore ed ordine al centrocampo. C’è poi stato il debutto di Cocco, attaccante di categoria che a Vicenza due stagioni fa fece benissimo: rispetto a Djuric ha meno fisicità, ma gli piace andare di più in profondità ed è abile sulle cosiddette palle sporche in area di rigore”.

“Per migliorare e tirarsi fuori dalle zone basse della classifica, il Cesena deve migliorare in primis in fase di costruzione del gioco, poi anche nelle scelte dello sviluppo offensivo: spesso infatti i bianconeri sbagliano l’ultimo passaggio, quello decisivo per segnare. C’è poi l’aspetto morale e vincere al cospetto di una squadra di serie A può trasmettere alla squadra autostima e consapevolezza nei suoi mezzi. Spero che il Cesena nel ritorno riesca a risalire”.


Articolo in collaborazione con www.cesenamio.it.

Testo di Katia Serra (Raisport), raccolto da Ivan Zannoni.

Foto di Katia Serra tratta dal sito www.letteradonna.it

Previous articleNapoli: Insigne, chi troppo vuole nulla stringe
Next articleMilan – grande rimonta, ma la mediana è tonta
Impiegato e padre di famiglia, perdo ancora tempo come blogger ed eterno aspirante giornalista: dopo aver scritto per Il BiancoNero Magazine e la Federazione Italiana Sostenitori Squadre di Calcio, da settembre 2014 sono nella redazione zona sport di Tifo Blog. Recentemente ho aperto il blog Cesena Mio (www.cesenamio.it) e talvolta mi si può ascoltare come opinionista sportivo a UniRadio Cesena. Oltre all'amato Cesena calcio, seguo con immensa passione il ciclismo professionistico ed il rugby union, sport dei quali ho scritto per anni su Facebook, nonché sui siti web chorse.it e freeforall.it.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.