Championship: considerazioni per la stagione 2016/17

241

Championship si comincia venerdì 5 agosto. Mai come quest’anno la seconda divisione inglese presenta spunti particolarmente interessanti

Championship – la patina “italiana”

Per la Championship 2016-17  Iniziamo la nostra analisi a partire dal fatto che ci saranno due squadre allenate da due allenatori che possono vantare una Champions League nella loro bacheca: Rafa Benitez rimasto alla guida del Newcastle e Roberto Di Matteo all’Aston Villa.

Il Newcastle sulla carta è indubbiamente la squadra da battere con giocatori di categoria superiore e investimenti che non si vedono neanche nella nostra serie A, ma in un campionato con 46 (!!) partite di regular season più eventuali playoff e playout nulla è scontato e le sorprese sono all’ordine del giorno.

Andiamo ora ad analizzare ogni squadra e capire come si presentano ai nastri di partenza:

CHAMPIONSHIP: LE FAVORITE

Newcastle: come scritto nel preambolo, rosa sulla carta più forte, dovrà essere bravo Benitez a calarsi in una realtà dove le squadre più piccole giocano con il coltello tra i denti.

Brighton: sono sostanzialmente gli stessi dell’anno scorso, buona difesa, buona squadra in generale, per la promozione ci sono anche loro.

Norwich: se dovessero prendere un buon attaccante e tenersi quasi tutti i titolari dell’anno scorso possono puntare ai playoff o anche alla promozione diretta.

Derby County: hanno preso l’allenatore che riuscì a salvare il Leicester due anni fa, hanno una buona ossatura, l’anno scorso hanno perso male l’andata dei playoff con l’Hull city che ha compromesso il tutto, ce la possono fare anche loro x la promozione diretta.

CHAMPIONSHIP: IN  ZONA PLAYOFF

Aston Villa: l’altra squadra che può vantare un allenatore con una Champions League e che sulla carta è senz’altro candidata alla promozione diretta. La scorsa stagione è stata veramente troppo brutta per essere vera e se giocatori del calibro di Agbonlahor ritrovano un attimo di forma penso che al Villa Park si divertiranno parecchio.

Sheffield Wednesday: hanno preso Fletcher e Abdi che per la categoria sono giocatori importanti e pare che verranno fatti anche altri investimenti; probabilmente come lo scorso anno faranno la maggior parte dei punti tra la mura amiche, ma nello stesso tempo giocando un calcio offensivo anche fuori casa.

Leeds United: hanno preso un buon centrale difensivo e un buon portiere. Gerry Monk,  l’allenatore nuovo, è uno di quelli che meglio conosce la categoria avendoci giocato parecchi anni con lo Swansea. Cellino pare rimborserà i biglietti a tutti i tifosi nel caso in cui il Leeds non riuscirà a qualificarsi per i playoff!

Bristol City: Se il Bristol City è quello della seconda parte della stagione scorsa può anche puntare ai playoff, fondamentale per loro mantenere i giocatori chiave in rosa tra cui Jonathan Kodija autore l’anno scorso di 20 gol. Chissà che lo stadio nuovo possa dare quella marcia in più.

Birmingham City: Gary Rowett è un buon allenatore, l’anno scorso ha fatto davvero un bel lavoro con quanto a disposizione. Ad oggi non hanno fatto praticamente mercato, penso anche per loro una salvezza tranquilla.

Nottingham Forest: tifosi che da anni sperano di tornare ai fasti del passato. Quest’anno c’è molta aspettativa intorno al nuovo allenatore Phillipe Montanier, se riuscirà a creare la giusta amalgama e Assombalonga ha recuperato del tutto dall’infortunio dello scorso anno, forse un posto nei playoff può anche essere alla loro portata.

Reading: esordio in panchina per Jaap Stam, vecchia conoscenza anche del calcio italiano. Hanno comprato diversi giocatori tutto sommato buoni per la categoria. Le amichevoli precampionato sono andate piuttosto bene, sono una squadra ancora “indecifrabile”, ma se dovessero trovare la giusta chimica possono indubbiamente anche puntare la parte alta della classifica.

Barnsley: classica squadra che parte a fari spenti, ma che può anche puntare ad un posto nei playoff. Hanno mantenuto la stessa ossatura dell’anno scorso che così bene ha fatto in League One

Wigan: squadra che due anni fa giocava in Europa League, purtroppo caduta poi in disgrazia fino alla retrocessione in League One. Quest’anno se dovessero aggiungere un po’ di qualità alla rosa dell’anno scorso penso che possono tranquillamente insidiare le squadre nelle prime posizioni

CHAMPIONSHIP: CLASSIFICA CENTRALE

QPR: la squadra è molto forte in difesa, con probabilmente i due miglior portieri della Championship, il centrocampo però è la nota dolente con giocatori troppo poco incisivi. Hanno comunque preso un regista dal Charlton che dovrebbe dare qualcosa in più. Personalmente non credo che faranno molto di più della passata stagione.

Wolverhampton: ovviamente ci si aspettano grandi cose dal ‘nostro’ Walter Zenga. Ho sentito la conferenza stampa di presentazione e mi è sembrato già molto determinato e con un inglese quasi perfetto, la società gli ha promesso degli investimenti dopo diversi anni bui. Per ora vedo loro ancora distanti da un posto nei playoff, ma  vedremo se in questo mese di mercato la società manterrà le promesse fatte.

Preston North End: club senza grandi potenzialità economiche  che cerca di arrangiarsi con giocatori in prestito, Simon Grayson è uno che conosce molto bene la categoria, credo che lotteranno per non retrocedere fino all’ultima giornata.

Brentford: se partono come nella seconda parte della scorsa stagione la salvezza è alla loro portata e forse anche qualcosa in più, soprattutto se i giocatori chiave non dovessero avere grossi infortuni come invece successo i primi mesi dell’anno scorso

Huddersfield: proprietà che incredibilmente quest’anno ha deciso di investire parecchio acquistando giocatori dalla Bundesliga e ottenendo prestiti dal Liverpool e dal Manchester City. L’allenatore è lo stesso dell’anno scorso e credo che sia stata una buona scelta visto che tende ad esprimere un bel gioco. Per me possono anche puntare a qualcosa di più di una salvezza tranquilla.

CHAMPIONSHIP: ZONA SALVEZZA

Ipswich Town: per ora non hanno acquistato nessuno e sono una squadra particolarmente giovane, l’allenatore non è male per la categoria, immagino per loro una salvezza tranquilla

Fulham: altra squadra che per anni è stata in Premiere, ma da qualche anno non riesce più a rendersi protagonista. Sono una squadra parecchio giovane e probabilmente il loro giocatore di punta,  Ross Mc Cormack cambierà casacca la prossima stagione. Credo che sarà un’altra stagione di sofferenza, in lotta per non retrocedere fino all’ultimo.

Blackburn: lontani i fasti di quando si vinceva la Premiere, ora sono una piccola realtà in lotta tutti gli anni per non retrocedere. La società non investe da parecchio e i pochi giocatori importanti che hanno sono nelle mire dei club più importanti tra cui lo stesso Newcastle che ha appena preso il capitano Grant Hanley e altri lo voglio seguire.

Burton Albion: altro club neo promosso dalla League One, pensare che l’anno scorso nessuno avrebbe scommesso sulla loro promozione, che succeda la stessa cosa quest’anno? La società di sta muovendo particolarmente bene sul mercato e se dovessero riuscire a mantenere il loro giocare chiave, Stuart Beavon, attaccante che nella categoria può fare tranquillamente la differenza.

Rotheram United: senza Neil Warnock in panchina e senza i necessari investimenti la vedo veramente molto dura per la salvezza del Rotheram in Championship.

Federico Venegoni

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.