Chatbi e le figure poco piacevoli della federazione di atletica leggera

232
abbonamenti Studio Samo

A cura di Ruggiero D’ascanio

Chatbi Jamal non ci sarà a Rio 2016 e come per Schwazer ci si chiede se meritava o meritano davvero l’esclusione. Ma la federazione conosce a fondo i suoi atleti oppure no?

Chatbi Jamal è stato escluso da Rio dopo aver saltato il terzo controllo. E’ giusto negare a un atleta il piacere olimpionico? Perché gli altri atleti invece hanno saltato il controllo e nessuno ha preso decisioni su di loro?

Jamal Chatbi è  un trentaduenne marocchino, mezzofondista, appartenente o ex appartenente della Nazionale atletica. E’ tesserato per una nota e decorata società civile lombarda, la Riccardi Milano” . Come anticipato mentre era in procinto di partire per l’Olimpiade di Rio, s’è ritrovato squalificato per doping, dopo l’esclusione precedente. Infatti avendo saltato tre controlli, in automatico è scattata la sospensione. Anzi addirittura rischia lo stop a vita per recidività.

abbonamenti Studio Samo

CHI E’ JAMAL CHATBI

E’ un atleta italo africano da anni in Italia e abitante a Castelli Calepio, nel bergamasco. Per lui un trascorso con buoni risultati, fra cui il terzo posto alla maratona di Roma lo scorso anno e la finale conquistata nel 2009 a Berlino con la nazionale marocchina in occasione dei mondiali.

Esiti più che buoni,  ma non più di tanto elogiati e pubblicizzati  dall’opinione pubblica. Dopo il 2009 tre anni di stop. Infatti fu scoperto positivo a un anabolizzante: il clenbuterolo . Da quel frangente ha perso  la stima pubblica e degli organi. Così non è più rientrato nelle simpatie ed ammirazioni dei tifosi, fan e compagni di nazionale. C’è da chiedersi il perché di un atteggiamento così discostante nei suoi confronti.
Eppur poco generoso o meno che fosse il metro di giudizio nei suoi confronti, i suoi detrattori hanno sempre avuto ragione. Chatbi è stato un peccatore doppio: prima la squalifica alla finale e ora il dribbling mal riuscito nei confronti dell’antidoping.

CHATBI COME SCHWAZER

Stiamo assistendo ad una situazione simile a quella di quattro anni fa. Allora in occasione dei giochi olimpici di Londra, il marciatore altoatesino Alex Schwazer, tesserato per il G.S.  Carabinieri fu fermato per doping. Come allora, oggi lo stesso corridore rischia di non partecipare ai prossimi giochi olimpici e la sospensione che gli è stata comminata sarà confermata o prosciolta il 4 agosto. In quel momento si deciderà se Alex farà parte del corpo azzurro o dovrà starsene in patria.

Chatbi In questa stagione ha corso le siepi in 8’21”92 il 22 maggio a Rabat e i 5000 in 13’22”53, quattro giorni prima a Nimega, in Olanda, tempi entrambi sotto lo standard di partecipazione olimpica. Ma il suo viaggio in Brasile è terminato ancora prima di cominciare. Togliendoli definitivamente la speranza di partecipare. L a decisione definitiva è stata presa dal CONI in accordo con la Nazionale di atletica leggera.




A CHE OLIMPIADI DOBBIAMO PREPARARCI?

Queste saranno le olimpiadi dove il pubblico si dividerà tra chi crede che qualcosa di vero, pulito ed onesto esiste e chi invece vedrà e giudicherà il risultato e l’atleta influenzato dal sistema che gira intorno… E’ infatti di questi giorni un giallo legato alla telefonata registrata in cui si intima allenatore di Schwazer, Sandro Donati di lasciar vincere altri atleti (Fonte La Repubblica). Si deve ipotizzare ci sia dietro un sistema?

Chi sa se in questi quindici giorni mancanti ,la spedizione azzurra non venga ulteriormente ridotta da 308 a …  a un numero più ridotto, forse scoppierà qualche altro caso ignorato per il piacere di tutti o celato fino alla palese evidenza della scorrettezza?

Purtroppo lo sport italiano, specialmente quello di casa nostra, quello che dovrebbe essere il riferimento costruttivo di molti nella vita, quello che in altre nazioni ci invidiano ed elogiano, ora sta sempre più in fondo ad un pozzo dalle pareti viscide: difficile ma non impossibile da risalire

 

abbonamenti Studio Samo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.