Due “colpi” in chiusura per il calciomercato del Cesena

270

Chiusa la sessione invernale di calciomercato con gli arrivi di Isaac Donkor dall’Avellino (via Inter) e Marco Crimi dal Carpi. Ceduto Cinelli al Novara

Si è chiusa alle 23 di ieri sera la sessione invernale di calciomercato. Proprio in chiusura, il Cesena ha prelevato in prestito Isaac Donkor, giovane difensore ghanese classe ’95 dall’Inter (era in prestito ad Avellino) e Marco Crimi, centrocampista esperto della categoria classe ’90. Questo il riepilogo delle trattative riguardanti la rosa della prima squadra, concluse in questa sessione invernale di calciomercato:

Acquisti

Andrea Cocco, prestito dal Pescara;
Isaac Donkor, prestito con diritto di riscatto e controriscatto dall’Inter;
Marco Crimi, prestito con obbligo di riscatto dal Carpi.

Cessioni

Milan Djuric, titolo definitivo al Bristol City;
Mirco Severini, prestito al Castelvetro;
Matteo Grandi, prestito al Latina;
Lorenzo Filippini, fine prestito, rientrato alla Lazio che lo ha girato alla Virtus Entella;
Antonio Cinelli, fine prestito, rientrato al Chievo che lo ha girato al Novara.

Trattative sfumate in extremis

Sono diversi i giocatori sondati dal Cesena negli ultimi giorni di mercato, ma alla fine sfumati: Mauro Coppolaro, difensore dell’Udnese in prestito al Latina; Mohamed Fares, attaccante del Hellas Verona; George Puscas, attaccante dell’Inter in prestito al Benevento, arrivato molto vicino alla firma, salvo poi essere bloccato dalla squadra sannita; Tiago Casasola, difensore della Roma in prestito al Trapani, ritenuto non idoneo da Camplone; Emanuele Terranova, difensore del Sassuolo, che ha preferito accasarsi al Frosinone; Leonardo Blanchard, difensore del Carpi, cercato con insistenza fino al momento della sua firma con il Brescia; il trio del Palermo Thiago Cionek, Roberto Vitiello e Sinisa Andelkovic, che però non hanno accettato di scendere di categoria; Michelangelo Albertazzi, difensore del Verona.

Considerazioni finali

Pochi colpi in entrata, tre, e tanti in uscita, cinque, più i 4 baby delle giovanili. In entrata sicuramente spiccano gli ingaggi di Andrea Cocco e Marco Crimi, elementi con tanta esperienza che potranno dare una grossa mano al Cesena nel perseguire l’obiettivo salvezza; a questi si aggiunge un terzo elemento, Isaac Donkor, giocatore giovane inserito nella lista under, che può ricoprire vari ruoli in difesa e rivelarsi un utile jolly in caso di bisogno, anche se forse sarebbe stato meglio puntare su un difensore con maggiore esperienza, come Blanchard ad esempio, anche alla luce dell’infortunio di Cascione che poteva essere adattato nel ruolo. Mercato in entrata che ha visto sfumare un nome eccellente come quello di Sergio Floccari, promesso sposo del Cesena fino a qualche ora prima della firma, ma poi accasatosi alla Spal.

In uscita, ha tenuto banco la partenza di Milan Djuric, ceduto per una cifra vicina ai 2,0 milioni di euro. Meno dolorose le cessioni di Lorenzo Filippini ed Antonio Cinelli, visto che in questi sei mesi in Romagna, non hanno risposto positivamente alle aspettative di inizio stagione. E’ stato rimandato in prestito il portiere Matteo Grandi (dal Catanzaro in Lega Pro al Latina in serie B) ed anche Mirco Severini in D al Castelvetro per maturare esperienza. Oltre alle cessioni di questi “big”, il Cesena ha definito anche alcune operazioni in uscita riguardanti il settore giovanile: sono stati ceduti quattro giovanissimi, due al Sassuolo e due all’Atalanta, trasferimenti che hanno portato nelle casse della società circa 2,5 milioni.

Infine, sono rimasti in bianconero due elementi molto appetiti sul mercato, ma che sono fondamentali per gli equilibri di questo Cesena, Camillo Ciano e Moussa Kone. Così come è rimasto Alejandro Rodriguez che il Cesena ha provato a vendere fino alla fine, senza però trovare un acquirente sufficientemente determinato; anche Peter Pan quindi resta a disposizione di Camplone per dare il suo contributo alla causa bianconera.


Articolo in collaborazione con www.cesenamio.it 

Immagine tratta dal sito www.skysports.com

Testo di Agostino Valentini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.