Commento a Sampdoria Napoli: azzurri colpiti e affondati nel gioco e nella testa

654
Ancelotti
Ancelotti

Commento a Sampdoria Napoli: serata da dimenticare

Le prime avvisaglie si sono intraviste nelle prime due giornate. Quando passi sempre in svantaggio alla lunga la paghi a caro prezzo con una sconfitta. Questo è quanto accaduto al Napoli contro la Sampdoria che non ha lasciato nessuna possiblità di rimonta agli azzurri. L’esperimento coraggioso di mettere fuori Hamsik e Callejon per far sentire protagonista tutta la rosa è stato fallito e chi è stato messo in campo ha deluso le aspettative, andando a peggiorare addirittura il gioco collettivo di una squadra senza idee e senza trame ben definite.

Napoli: difesa colabrodo

Sei gol nelle prime tre giornate. Questo è il bottino inquietante di una difesa che è lontana parente da quella apprezzata con Sarri. In contropiede, con i cambi di gioco, con le verticalizzazioni, in tanti modi la difesa azzurra si è fatta perforare in questo avvio di campionato. Ospina per ora non è in grado di trasmettere sicurezza alla retroguardia, Hysaj, senza Callejon che lo copre mostra tutti i suoi limiti tecnici così come Diawara che si fa sovrastare da un Ekdal di turno e non protegge a dovere i due centrali. Il Napoli per ritrovare la sua solidità dovrà fare affidamento ancora una volta al sostegno dei giocatori di altri reparti con Callejon che a questo punto diventa ancora una volta imprescindibile per gli equilibri della squadra.

Una lezione che può servire per il futuro

Il commento a Sampdoria Napoli conferma che Il Napoli dovrà ripartire dalla grinta di Allan, dal coraggio di Ancelotti che nel secondo tempo non ha esitato a togliere Insigne e Verdi per i continui screzi, dimostrando polso e dalla vivacità di Ounas sceso in campo con la voglia di dare una scossa alla partita, magari con meno egoismi. Quando si cambia un allenatore e i meccanismi tattici passati sono troppo rimarcati è inevitabile che i frutti del nuovo lavoro non arrivino subito e sei costretto a subire qualche battuta d’arresto.

Queste giornate storte possono essere una buona lezione per migliorare cosa c’è che non va e la sosta sarà utile per fermarsi un attimo e riflettere su cosa è andato e su cosa non ha funzionato.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.