Contestazione Napoli: si ricomincia fra dubbi e proteste dei tifosi

320
Stemma Napoli

Si riprende dopo la sosta della nazionale, e si ricomincia con la lanciatissima Fiorentina (2 su 2 in queste giornate). Ancelotti troverà la soluzione ai problemi?

La speranza è che Mister Ancelotti abbia trovato il “bandolo della matassa” per dare alla squadra i giusti equilibri che sono mancati nelle prime tre giornate. Se è vero che con Lazio e Milan si è riusciti nelle “remuntada”, ciò non è avvenuto con la squadra guidata da Giampaolo, abilissima in contropiede e tenace in difesa. Ora il quesito che si dovrà porre il Mister è se proseguire sulla strada del suo predecessore Sarri, dando ai ragazzi quelle sicurezze date da un meccanismo ben oleato e collaudato o continuare con il processo del cambiamento, esponendosi anche al rischio che questo può portare.

Dal 4-3-3 al 4-2-3-1. Eh si, quest’ultimo modulo usato nella seconda parte delle precedenti partite, a parer mio, sembra il modulo che più si avvicina alle idee di Ancelotti, con Milik prima punta di peso, con dietro i tre “piccoletti” terribili che tanto ci hanno fatto divertire in questi ultimi anni.

SEMrush

Il combattente del momento: Allan

Una nota in particolare la vorrei dare su Allan, l’unico a salvarsi nella disfatta di Genova e vero condottiero nel centrocampo azzurro, dove ci sono molti finalizzatori e pochi interdittori. Lui unisce quantità e qualità ad una squadra che ancora deve trovare i giusti meccanismi. Il tempo degli indugi è finito e ora con l’inizio della Champions inizia un tour de force impressionante, che testerà il vero potenziale della squadra e le loro reali ambizioni.

Oggi contro la Fiorentina non dovranno mancare forza, determinazione e la giusta “cazzimmia” fin dal primo minuto, per riprendere la marcia e non far scappare la squadra di Allegri, arrivando belli carichi nella tana della Stella Rossa di Belgrado, dove ci aspetterà un tifo infuocato ed un avversario che vorrà ben figurare alla sua prima in casa.

Contestazione Napoli: gli Ultras…

Negli ultimi mesi si sono inaspriti i rapporti tra Adl, il comune e una parte della tifoseria organizzata e tutto questo non porta di certo beneficio.

Oltre le discutibili idee del presidente (sul quale penso ci sia da fare un articolo a parte) c’è stato un aumento del prezzo del biglietto, che ha fatto del tutto infuriare i gruppi organizzati.

Si vocifera che ci sia un rischio d’intemperanze nelle partite di Champions per far sanzionare la società e danneggiare il presidente con la chiusura dell’impianto di Fuorigrotta.

Dopo l’ennesimo spettacolo del One Man Show, che ha minacciato di portare il Napoli al San Nicola per le partite europee, la società ha deciso di rendere più “popolari” i prezzi per la gara interna contro i viola, sperando che questo possa, almeno in parte, placare gli animi. Ora la testa mi sta già portando alle 18 di stasera.. #forzaNapolisempre.

A cura di Antonio Brianese

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.