Cuore rossoblu: Capitan Dessena caccia via le streghe

292

Il Capitano rossoblu, alla prima assoluta da titolare dopo il terribile infortunio della passata stagione, regala una serata da sogno a se stesso e a tutto il popolo rossoblu con una doppietta da urlo.

Il Cagliari, dopo i due pesanti ko con Fiorentina e Lazio, ritrova la via dei 3 punti grazie a Daniele Dessena. E’ una doppietta del Capitano ad annichilire il Palermo e risolvere una partita assai complicata fino alla fine.

Cagliari-Palermo fino al minuto 52, era una partita scialba, maschia, con pochi lampi e poche occasioni da rete, dove fino a quel momento, l’unica grande protagonista era la Nord, caldissima che incitava prepotentemente i suoi nonostante la “noia”.

Nella prima frazione, infatti, le due compagini hanno badato più a difendere che ad attaccare, con i rosanero pronti a colpire con le ripartenze di Quaison ed Embalo ed i rossoblu lenti, macchinosi nell’impostare, che si affidano a dei velleitari lanci lunghi verso le punte Sau e Borriello.

#DD4 SHOW

Parte la ripresa e dopo soli 7′ il match prende una piega totalmente inaspettata, e che piega: Di Gennaro dalla sinistra pennella un pallone prelibato a centro area, un autentico invito a nozze per l’accorrente Dessena, che di potenza trafigge l’incolpevole Posavec.

Il Sant’Elia è un’autentica bolgia, tra l’incredulità generale segna proprio lui, il Capitano, dopo un anno di sofferenza si riprende il suo Cagliari, si riprende la sua carriera da calciatore di Serie A, con gli interessi.

Non è mica finita qui, dopo un tentativo per parte, ad opera di Nestorovski per i rosanero e Borriello per i nostri, la ciliegina sulla torta: Di Gennaro “scucchiaia” per Sau, Pattolino sembra non arrivare sull’invito del numero 8, tuttavia in precario equilibrio, riesce a servire un pallone rasoterra al centro che capita proprio sui piedi di Dessena, che di piatto scaraventa in rete per il 2-0 di marca rossoblu.

Il Sant’Elia è completamente in estasi.

MINI REAZIONE ROSANERO

De Zerbi inserisce Diamanti (clamorosamente fuori dall’11 iniziale) e Bruno Henrique, ridando verve ai rosanero, che complice la classica dormita difensiva sarda, accorciano le distanze: Rispoli dal fondo, serve un pallone a centro area, Nestorovski brucia tutti e sigla l’1-2.

I rosanero ci provano fino all’ultimo, i rossoblu controllano bene e tornano finalmente al successo.

Prestazione sicuramente non pienamente sufficiente, manovra lenta e macchinosa, quello che contava era vincere: l’obiettivo 3 punti è stato raggiunto, se poi lo si raggiunge in questo modo, vincere così è ancora più bello!

Ora i rossoblu dovranno metabolizzare la grande gioia in carica positiva in vista dell’anticipo di sabato, alle 18, dove i rossoblu faranno visita al Torino, reduce dallo spettacolare 2-2 di Udine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.