ABBRACCIO ROSSONERO: DAJE MILAN, CONTRO LA ROMA PER L’EUROPA

256

Dentro o fuori dall’Europa. Il posticipo di domenica sera, Milan-Roma, sa tanto di ultima spiaggia per gli uomini di Montella. Dopo le due pessime figure contro Empoli e Crotone, e’ neccessario un cambio di rotta.

Domani sera il Milan si gioca una grossa percentuale di ingresso in Europa. Dovesse fallire la terza partita consecutiva, nonostante il diverso spessore della Roma rispetto ai primi due avversari, potremmo con molta probabilità dire addio definitivamente all’Europa League. Dietro, Inter e Fiorentina non stanno certo ad aspettare, e noi, ahimè, abbiamo ripreso un ritmo assopito come negli anni passati. Un pericoloso cambio di tendenza rispetto ai primi mesi della stagione davvero pericoloso.

Le voci che vorrebbero le due milanesi, volontariamente fuori dalle coppe, beh, lasciatemelo dire, sono allucinanti. I milioni persi e soprattutto il palcoscenico che offrirebbe un ingresso in Europa League, non sono certo paragonabili a tre partite estive in Cina. Questi ragionamenti li lascio fare a chi di calcio capisce poco, o quantomeno abbocca a ogni provocazione senza fermarsi a pensare con la propria testa.

Ecco il vero assente di questo ritorno. Senza Jack il Milan si è appannato affievolendo le speranze per l’Europa

Senza Bonaventura, Montolivo e Abate la squadra ha perso tantissimo. Anche Suso è mancato un mese e si è sentito. Bacca si è inceppato e Lapadula non ha saputo offrire le garanzie sperate. Su Lapagol, però, ci sono grosse attenuanti, vedi i pochi minuti concessigli. Nonostante la mia stima per l’ex Pescara, però, la prossima stagione sarà necessario una prima punta vera, di peso, che trascini in porta compagni, avversari e pallone. Un vero bomber. Nel prossimo articolo parleremo infatti di quali saranno le possibili scelte dell’imminente calciomercato.

Domani sera, invece, saremo costretti all’ennesima formazione rimaneggiata: Romagnoli ai box, Abate fuori, Montolivo fuori forma, Jack ancora out. I principali fautori, tranne il capitano, dello splendido girone di andata, sono mesi che non possono dare una mano ai compagni. Queste assenze si sono sentite eccome, abbiamo una panchina che è davvero troppo corta e soprattutto di bassa qualità. Fuori i due o tre titolari fondamentali non abbiamo rimpiazzi degni di nota. Urge un profondo e ragionato cambio di giocatori in ogni reparto.

Nonostante le aspettative non siano delle più rosee non possiamo certo abbandonare i ragazzi a così poche partite dal traguardo. Domani sera, quindi,tutti insieme a San Siro per sostenere i nostri idoli e fargli sentire quanto forte grideremo Forza Milan! Una società come la nostra, in Europa, deve ritornarci.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.