Dal quartiere veronese: applausi amari

283
Prestazione dignitosa, ma non basta.

Una prestazione magistrale non basta per strappare punti ad un Inter cinica

Quadratura (ri)trovata

Le ultime due gare hanno permesso a Maran di confermare un assetto tattico innovativo anche contro i nerazzurri.

Le scelte sembrano venir ripagate e gli undici uomini in giallo mettono sotto assedio la squadra di Spalletti, che viene salvata dal palo e da un Handanovic in giornata di grazia.

Icardi e compagni faticano ad entrare nell’area di rigore clivense e Sorrentino non deve mai optare per interventi di rilievo.

SEMrush

Il pallino del gioco è in mano al Chievo.

Uno/due fatale e speranza di rimonta

Il ritmo incalzante è ancora a favore dei padroni di casa, ma sono gli ospiti a passare in vantaggio con una rete di Icardi, prima annullata, poi convalidata con l’ausilio del Var.

Pochi minuti dopo Perisic raddoppia e ora l’inerzia della partita è ribaltata a favore dell’Inter con il Chievo che si trova costretto ad una rimonta quasi impensabile.

Ma i gialloblu non mollano e a un minuto dal termine Stepinski raddoppia, tanto che si riaccende l’entusiasmo e nei cinque di recupero c’è la speranza di agguantare il pari.

L’Inter è alle corde, le avanzate di Hetemaj e soci sono un continuum, ma alla fine la vittoria rimane nelle mani degli avversari.

Stessa grinta per il tour de force finale

Una gara giocata a pieno ritmo e con grandissima qualità non frutta punti e il successo del Crotone a Udine complica non poco la situazione.

Con le big si sfoderano prestazioni sublimi non ottenendo nulla, mentre con le dirette concorrenti la paura di sbagliare ha la meglio sulla determinazione, fondamentale negli scontri decisivi.

Dopo la gara all’Olimpico contro la Roma, si attendono tre sfide di vitale importanza, assolutamente da non fallire.

PAGELLE

I MIGLIORI:

RADOVANOVIC: 7.5 – La nuova carica lo esalta in maniera spropositata. Eccellente.

HETEMAJ: 7 – Sembrava essere tornato il guerriero di un tempo.

STEPINSKI: 7.5 – Dieci minuti giocati con vero spirito battagliero, illudendo la piazza con una rete pregevole.

I PEGGIORI:

CACCIATORE: 5.5 – I soliti errori grossolani che si potrebbero evitare.

GIACCHERINI: 6 – Una sufficienza risicata perchè da lui ci si aspetta sempre la giocata decisiva.

INGLESE: 6 – Lavora tantissimo per la squadra e per questo merita la sufficienza, ma fatica a trovare spazio negli ultimi venti metri.

La classifica barcolla parecchio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.