Dal quartiere veronese: Birsa più Castro, Chievo in scioltezza

283
Copyright by Emiliano Martinelli

Dopo la buona prestazione, seppur finita con risultato negativo, contro il Napoli, i ragazzi gialloblu sconfiggono il Pescara di Zeman in scioltezza e senza troppi rischi.
Maran cambia qualcosa. In cabina di regia De Guzman prende il posto di Radovanovic e in attacco torna a due punte, supportate da Birsa trequartista.
Bastano pochi minuti al Chievo per sbloccare la partita e lo fa grazie ad una perla di Birsa, che dal limite dell’area pennella una palombella sul secondo palo che non lascia scampo all’ex, indimenticato, Bizzarri. Uno specialista lo sloveno in queste situazioni.
I delfini reagiscono e incutono timore con qualche contropiede pericoloso, in cui si si vedono tutte le caratteristiche del gioco zemaniano.
Ma il Chievo gestisce alla grande e porta il risultato in porto alla fine della prima frazione.
Prima dell’inizio della ripresa, avvicinandosi alla Curva Nord locale, Albano Bizzarri riceve un applauso seguito da un standing ovation da brividi. Ricordi memorabili per la tifoseria della Diga, cosicché anche a fine match, all’uscita dei giocatori dagli spogliatoi molti supporters gialloblu hanno voluto salutare il proprio ex beniamino, che tanto ex non è, visto l’affetto dimostratogli anche al momento della sua partenza.
Tornando al match, l’inizio ripresa è scoppiettante. L’armata clivense prende d’assalto la porta biancoazzurra, ma trovandosi di fronte un Bizzarri in stato di grazia.
Però il raddoppio non tarda ad arrivare ed è Castro a mettere la sfera in rete, dopo una parata del solito Bizzarri su Gakpe, entrato al 43esimo al posto di Inglese, uscito anzitempo per un colpo alla cervicale.
Gli avversari tentano timidi sussulti, senza concretizzare. E la squadra di casa non si vuole fermare e continua a spingere, in cerca della terza rete, che arriva, ancora con Birsa, ma viene annullata per fuorigioco inesistente.
La due reti di vantaggio bastano e avanzano e Meggiorini e soci portano a casa la decima vittoria stagionale e la centesima in casa in Serie A.

I MIGLIORI:

CASTRO: 7.5 – Sempre devastante e sopra la media per giocate fantasiose e tecnica sopraffina, prestazione suggellata anche dalla rete che ha chiuso il match.
BIRSA: 7.5 – La perla che porta al vantaggio gialloblu vale da sola un voto in più in pagella.
MEGGIORINI: 7 – Incontenibile. La difesa pescarese vede le streghe quando è lui ad avere la palla tra i piedi.

I PEGGIORI:
Nessuno sotto la sufficienza tra le fila clivensi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.