Dal quartiere veronese: Pellissier fa 100 e il Chievo demolisce il Palermo

189

In un Barbera quasi tutto esaurito, è il solito desaparecido Palermo. Il Chievo la fa da padrone nel giorno della centesima rete di capitan Pellissier in Serie A, tutte con questa maglia.

La partita non si prospetta facile, anche dal punto di vista emotivo, soprattutto per il mister che in settimana ha avuto un grave lutto in famiglia, ma i suoi ragazzi vogliono regalargli una gioia in questo difficile momento.
I gialloblu partono immediatamente all’attacco, facendo intuire subito le proprie intenzioni, fino a quando Birsa si smarca in area di rigore e con un preciso diagonale sul secondo palo infila l’incolpevole Posavec.
I rosanero tentano di riagguantare il risultato ma Frey&co prendon loro le misure, concedendo poco o nulla.
Nella ripresa, Goldaniga con troppa sufficienza dà la palla indietro verso il proprio portiere, ma il passaggio è troppo debole e si rivela un invito a nozze per un rapace come Pellissier, il quale dribbla l’estremo difensore siciliano e insacca. Il settore ospiti esplode e con le lacrime di gioia lungo il viso festeggia la rete numero 100 (CENTO!) nella massima categoria del loro idolo indiscusso, che raggiunge un traguardo inseguito a lungo.
Ormai la partita sembra essere in pugno, ma la squadra dell’ex Corini non si arrende del tutto (anche se i tentativi sono davvero senza troppa propensione a segnare) e se non fosse per Sorrentino, che prima para un tiro ravvicinato poi è costretto a mettere la palla in angolo di tacco a causa di uno sciagurato retropassaggio, avrebbe anche accorciato le distanze.
Ma la Diga regge e i tre punti sono in cassaforte. Ora i ragazzi posso andare ad esultare sotto i propri sostenitori, che hanno attraversato tutta l’Italia al loro seguito.
Ma man mano che lo stadio si svuotata ecco il momento più emozionante: dopo aver rilasciato le interviste di rito Sergione nostro capitano si dirige sempre verso di noi acclamato a gran voce per mostrare la maglia col numero 100 creata a posta per l’occasione e ormai pronta da settimane e per godersi questo storico traguardo insieme a chi l’ha sempre sostenuto.

Ogni parola sarebbe superflua per descrivere quello che sei, quello che hai fatto e quello che farai ancora, ma questo agognato traguardo è stato raggiunto con fatica, tanta fatica, superando anche diversi ostacoli, fisici e psicologici, che hanno cercato in tutti i modi, di impedirti di arrivare a questa fatidica cifra. Ma solo i veri uomini, quando si pongono un’obbiettivo, fanno di tutto per arrivare fino in fondo e tu fai parte di questa cerchia ristretta, senza alcun dubbio. Non aggiungo altro anzi, forse una sola parola: GRAZIE!

I MIGLIORI

DAINELLI: 7.5 – Autentico baluardo insormontabile.
FREY: 7.5 – Perfetto in ogni situazione, non sbaglia di una virgola nella giornata in cui anche lui taglia un nastro importante: le 200 presenze in casacca clivense.
PELLISSIER: 10 – Il voto è per tutto quello che finora ha fatto per questi colori, e il raggiungimento delle tre cifre è la ciliegina sulla torta, oltre alla standing ovation di tutto il Barbera all’uscita dal campo.
I PEGGIORI:
Nessuno sotto la sufficienza. Tutti hanno dato prova di grande maturità calcistica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.