LE PAGELLE ROSSONERE: DONNARUMMA EVITA UN PASSIVO ANCOR PEGGIORE

301
sipario

Posticipo disastroso quello che ha visto la Roma surclassare il Milan, non fosse stato per Donnarumma e i pali colpiti dai Giallorossi, il passivo sarebbe stato ben più pesante. Un Milan vergognoso, a tratti peggio di quello degli anni passati

Dobbiamo ringraziare Donnarumma e i legni se ieri sera ci hanno solamente rotto le ossa senza polverizzarci. Una cronaca vera e propria, per una lezione del genere, non è possibile farla.

Che la partita non sarebbe stata facile potevamo immaginarlo, la Roma, cosi’ come Napoli e Juventus, sono di un’altra categoria. In ogni scontro diretto, se non giochiamo tutti dietro e “pedalare”, abbiamo sempre preso sonore lezioni calcistiche. Inutile nascondersi dietro le scuse. Il Milan ha viaggiato sopra media per tante giornate e ora le stiamo pagando tutte. Dobbiamo ringraziare Donnarumma se ieri sera non siamo usciti ulteriormente umiliati da una sfida contro la Roma che sta attraversando il peggior momento dell’anno. Contro di noi, però, non si è visto. Si è notata solamente una squadra di professionisti, i capitolini, contro una amatoriale : il Milan. Non è possibile che una squadra di serie A , in lotta per l’Europa, non sia in grado di fare una, e dico un’azione manovrata offensiva. Sono settimane che ci affidiamo a un Deulofeu imbarazzante e vittima del suo narcisismo, a un Suso totalmente fuori forma dopo l’infortunio, e a due centravanti in crisi mistica. Uno per mancanza di gol, Bacca, e l’altro, Lapadula, per mancanza di fiducia e, probabilmente, dei mezzi tecnici adatti senza l’aiuto di una squadra fin’ora assente.

L’espressione di Donnarumma la dice lunga sulla serata Milanista.

Nel precedente articolo ho provato a dare la mia visione sulla situazione attuale: senza un centrocampo di professionisti, arriveremo sempre tra la settima e la decima posizione. Giocando con gli scarti di Genoa e altre squadre da metà classifica anche estere, dove vogliamo andare? Ultimamente leggere di nomi altisonanti solo per l’attacco fa ridere e arrabbiare. La nostra tifoseria e l’opinionista medio, è ormai entrato in un tunnel di ignoranza da cui sarà difficile uscirne. Il supporter di base è, purtroppo, davvero convinto che con l’arrivo di un Belotti a caso o di un Morata si possano magicamente risolvere tutti i problemi Rossoneri. Vi dirò una cosa: nessun giocatore che non sia Petagna, fino ad ora accostato al Milan, arriverà. Basta illudersi o ragionare per nostalgia. Il Milan di oggi, ha meno appeal della Lazio. Senza coppe, con una dirigenza ballerina e con una rosa da rifondare, chi volete che venga di prima fascia? Nessuno.

Oltre a rischiare in fatto di nuovi ingaggi, il pericolo vero sono i rinnovi dei due o tre elementi in rosa da confermare. Donnarumma, vedendo quest’andazzo e il suo procuratore, avrà sempre più dubbi sul continuare in Rossonero. Onestamente, ieri sera, faceva tenerezza. E’ stato preso a pallate per novantacinque minuti. Una vera tristezza. Suso, dovesse continuare a sonnecchiare, può andare a batter cassa da un’altra parte. Deulofeu, spiace, ma non mi convince. Ogni partita è un passo indietro. Fosse per me, di tutta la rosa, confermerei ben pochi elementi.

Donnarumma, Bonaventura, Abate, De Sciglio, Romagnoli, Lapadula(come riserva) e Locatelli sperando abbia margine di crescita. Tutto il resto può andare nel “termovalorizzatore”.

Scusate questo sfogo, ma da tifoso e opinionista, assistere a certe partite fa davvero male. Io accetto le sconfitte, ci mancherebbe. Ma c’è modo e modo di rendere onore e tenere alto il nome di una società gloriosa come fu il Milan. Le figuracce raccolte ultimamente, non sarebbero degne nemmeno del peggior club al mondo e noi, nonostante tutto, ancora non lo siamo.

Vediamo come si sono comportati i nostri beniamini nel dettaglio :

Donnarumma: 6,5 – Poverino, oggi faceva tenerezza. Come un bimbo al parchetto tra gli adulti, viene preso a pallonate novantacinque minuti. Non fosse stato per lui, le reti, stasera, erano minimo sette. Gigio, io ti voglio bene, sicuro di rimanere in questa gabbia di matti? FUORICLASSE

Vangioni: 4 – Prima vera partita, primo vero capitombolo. Dovendo affrontare Salah, già leggendo la formazione immaginavo un tracollo simile. INADEGUATO

De Sciglio: 4 – Capisco il volerlo responsabilizzare e il tentativo di non perderlo. Lui, però, ha già tirato i remi in barca da mesi. ESTRANEO

Paletta: 4 – Basta. Un’altra espulsione è troppo. Dopo i primi tre mesi ad altissimo livello, sta facendo rimpiangere Mexes e Bonera, ed è tutto dire. SPAESATO

Zapata: 3,5 – Prova a reggere 5 minuti. Dopo il trecentesimo secondo, è notte fonda. Gli avversari lo prendono in giro tanto è facile passarlo. ALLUCINATO

M. Fernandez: 4 – Come un granello di sabbia nel deserto. Che ce ne sia uno in più o uno in meno, poco cambia. DISASTROSO

Pasalic: 4,5 – Ha segnato, bene. Per il resto vaga come un fantasma per il campo. Non sa far filtro e non sa impostare. Torna a Londra Marietto. BOCCIATO

Sosa: 4 – Encefalogramma piatto. Di più non si può commentare. CADAVERE

Lapadula: 4,5 – Lapa, mi spiace. Ti ho sempre sostenuto e capisco sia difficile giocare in questo Milan. Cerca, però, di ricordarti che giochi a calcio, non fai Judo. LOTTATORE

Suso: 5 – Ennesima figuraccia. Sta lentamente tornando ai livelli pre Gasperini. Speriamo sia un momento no e non la realtà dei fatti. Che stia giocando sul rinnovo? FUORIFASE

Deulofeu: 4,5 – Peggiora ogni partita. Probabilmente un altro calciatore rubato all’atletica. Nei 110 ostacoli farebbe la sua bella figura, ma senza pallone tra i piedi. Grazie. RIVEDIBILE

Ocampos: 5 – Prova a smuovere le acque propiziando il gol. Nulla più. EVANESCENTE

Gomez: s.v

Bertolacci: 4 – Ennesimo centrocampista che non merita il Milan. INDEGNO

Montella: 4,5 – Questa volta, caro Mister, hai toppato. Pensare di affrontare la Roma a visto aperto è eresia. Che poi con una rosa a centrocampo di questo livello, anche Ancelotti prenderebbe le “scoppole”, è un altro discorso.  A CORTO DI IDEE

Prima di pensare a nomi per l’attacco, difensori o portieri, cara dirigenza, bisognerà pensare al centrocampo. Giocare senza mediana è impossibile. Spero non siate venuti in Italia per specchiarvi perchè qui di lavoro da fare, ce n’è tanto. Datevi  una mossa in prospettiva futura. Sono troppi anni che mangiamo “letame”.

 

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.