Doppietta Red Bull nel Gran Premio della Malesia

299

Grande prestazione e tanta fortuna per la Red Bull che fa doppietta con Ricciardo davanti a Verstappen, chiude il podio Rosberg.

Daniel Ricciardo si aggiudica la sedicesima tappa della corsa mondiale sul circuito di Sepang, in Malesia. Il pilota della Red Bull, riesce a contenere uno scoppiettante Max Verstappen e approfitta golosamente delle avversità in casa Mercedes, con Hamilton out per un problema al motore e Rosberg terzo, ma costretto ad inseguire sin dal primo giro a causa di un contatto con la Ferrari di Sebastian Vettel che lo ha portato in un testacoda senza conseguenze sulla monoposto, ma a ripartire dal fondo. Ma a fine gara, il podio era fatto solo di sorrisi. Sorrisi in casa Red Bull, per una doppietta che mancava da tanto tempo, e per Rosberg che dopo curva 1, ha visto scivolarsi tra le mani punti importantissimi per la lotta iridata.

Pronti via, come detto, subito contatto tra Vettel e Rosberg, col tedesco del cavallino rampante, troppo ottimista nel calcore e tardare la frenata per sorpassare Verstappen, che incoccia la Mercedes, e rompe la sospensione finendo la gara al primo giro.

Al nono giro, cambiano le strategie, con la Haas di Grosjean che va fuori e relativa Virtual Safety car, nel quale Verstappen e Rosberg tentano di approfittarne cambiando strategia e anticipando i giochi. Da lì in poi, Verstappen guadagna secondi su secondi su Raikkonen che difendeva la terza piazza e Rosberg che guadagnava posizioni importanti.

Al 21° giro, Raikkonen rientra con Verstappen in procinto di sorpasso, rientrando appena davanti a Rosberg. Un giro dopo rientrano anche Hamilton e Ricciardo, mantenendo le posizioni di vertice. Verstappen macina giri veloci con le soft e al 27° rientra ai box montando le hard e tenendo la posizione su Raikkonen.

Al 32° giro è Rosberg a fermarsi, costringendo il finlandese della Ferrari al rientro un giro più tardi per evitare un sorpasso. Sorpasso che avviene, con molta forza e decisione al 38° giro in curva 2, con il tedesco che va al contatto con la rossa di Maranello. Tale azione comporterà la decisione dei giudici, di una penalità di 10 secondi per il pilota Mercedes.

Al 39° grande duello Red Bull, con Verstappen che cerca in tutti i modi di superare Ricciardo, che con una gran manovra, mantiene la posizione sull’olandese. Grande duello, con i due che non sono venuti al contatto e hanno regalato un duello emozionante.

Ma il colpo di scena avviene al 41° giro, quando il motore di Hamilton va k.o. spianando la strada ai piloti Red Bull, che chiudono la gara in testa, senza più sussulti e con Rosberg che mantiene più dei dieci secondi di penalità su Raikkonen, chiudendo terzo e allungando sul mondiale rispetto ad Hamilton.

Quinto posto per Bottas, sesto Perez, poi una grande Fernando Alonso, partito ultimo. Chiudono le ultime posizioni la Force India di Hulkenberg, l’altra McLaren Honda di Button e il primo punto iridato per Palmer.

In testa al Mondiale ora c’è Nico Rosberg con 288 punti, che cerca la fuga e va a +23 rispetto a Lewis Hamilton. Ricciardo con 204 punti, allunga il margine sulla prima Ferrari, quella di Kimi Raikkonen a 44 punti. Vettel a 153 vede insidiare la sua posizione da Verstappen a 147.

Prossima gara, in Giappone, tra sette giorni, sul circuito di Suzuka. Per ora è tutto, vi rimando all’appuntamento di domani con Claudio Mastellari e la sua “Race Analysis

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.