Europei U21: il racconto delle venti edizioni della manifestazione

233

Europei U21 – nell’albo d’oro, primeggia l’Italia con 5 affermazioni; seguono Spagna con 4, Inghilterra, URSS – Russia e Olanda con 2;

Mancano ormai solo 16 giorni all’inizio dell’edizione numero 21 del Campionato Europeo Under 21.

Con un breve riepilogo, ripercorriamo tutte le 20 edizioni giocate del torneo per nazionali under più importante del Mondo.

prima edizione – 1978

La prima nazionale ad iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro è stata la Jugoslavia. La fase finale parte dai quarti di finale (otto squadre partecipanti); ogni turno prevede gare di andata e ritorno. La nazionale campione elimina, in successione, Ungheria (0-1, 2-0) ed Inghilterra (2-1, 1-1). In finale gli jugoslavi, dopo due match tiratissimi, sconfiggono la Germania Est (1-0, 4-4). La nostra nazionale è eliminata dall’Inghilterra ai quarti di finale (1-2, 0-0).

seconda edizione – 1980

La seconda edizione vede l’affermazione del URSS. Il format è identico a quello di due anni prima. I sovietici, in sequenza, eliminano Italia (3-1, 0-0), Jugoslavia (3-0, 1-0) e Germania Est in finale (0-0, 1-0).

terza edizione – 1982

Terza edizione ricca di gol e spettacolo. Ad aggiudicarsela è l’Inghilterra che elimina Polonia (2-1, 2-2), Scozia (1-0, 1-1) e Germania Est in finale (3-1, 2-3). Ancora fallimentare l’avventura dell’Italia: gli azzurri vengono eliminati dalla Scozia (0-1, 0-0).

quarta edizione – 1984

Seconda vittoria consecutiva per l’Inghilterra: gli inglesi, in finale, sconfiggono la Spagna (1-0, 2-0). Nei turni precedenti i youg lions eliminano Francia (6-1, 1-0) ed Italia (3-1, 0-1).

quinta edizione – 1986

Prima affermazione per la Spagna. Le furie rosse, in finale, sconfiggono l’Italia soltanto ai calci di rigore (1-2, 2-1; 3-0 ai rigori). Nei turni precedenti, vittorie con Francia (3-1, 3-1) ed Ungheria (1-3, 4-1).

sesta edizione – 1988

E’ il turno della Francia. I galletti, dopo un torneo combattuto, eliminano Italia (2-1, 2-2), Inghilterra (4-2, 2-2) e Grecia in finale (0-0, 3-0).

settima edizione – 1990

Seconda affermazione per l’URSS. I sovietici, in finale, hanno la meglio sulla Jugoslavia (4-2, 3-1). Nei turni precedenti, vittorie su Germania (1-1, 2-1 d.t.s.) e Svezia (1-1, 2-0). L’avventura dell’Italia termina in semifinale con la Jugoslavia (0-0, 2-2); nei quarti vittoria con la Spagna (3-1, 0-1).

ottava edizione – 1992

Finalmente, dopo anni di sofferenze, ecco la prima vittoria della nostra nazionale. In sequenza, gli azzurri eliminano Cecoslovacchia (2-1, 2-0), Danimarca (1-0, 2-0) e Svezia in finale (2-0, 0-1).

nona edizione – 1994

In Francia seconda vittoria consecutiva per l’Italia. Gli azzurri, in finale, sconfiggono 1-0 il Portogallo. Nei turni precedenti, vittorie con Cecoslovacchia (3-0, 0-1) e Francia (0-0 ai tempi regolamentari, 5-3 ai rigori).

decima edizione – 1996

L’Italia non si ferma più. In Spagna gli azzurri conquistano la terza coppa in tre edizioni consecutive. Dopo aver eliminato Portogallo (2-1) e Francia (1-0), in finale gli uomini di Cesare Maldini sconfiggono 4-2 ai rigori i padroni di casa della Spagna (1-1 nei tempi regolamentari).

undicesima edizione – 1998

In Romania vittoria per la Spagna. Le furie rosse, in finale, battono 1-0 la Grecia; vittorie di misura anche nei quarti di finale (1-0 alla Russia) e in semifinale (1-0 ai tempi supplementari alla Norvegia).

dodicesima edizione – 2000

Quarta affermazione per l’Italia. In Slovacchia, la nazionale italiana, prima nel girone B (2-0 all’Inghilterra, 1-1 con la Slovacchia, 3-1 alla Turchia), batte 2-1 in finale la Repubblica Ceca.

tredicesima edizione – 2002

In Svizzera, prima affermazione per la Repubblica Ceca. I cechi, dopo un girone eliminatorio non molto positivo chiuso al secondo posto (0-2 con la Francia, 1-0 al Belgio, 1-1 con la Grecia), salgono in cattedra eliminando in semifinale l’Italia (3-2 dopo i supplementari) ed in finale la Francia (3-1 ai rigori, 0-0 nei tempi regolamentari). La nostra nazionale, come appena detto, dopo un girone tutto sommato positivo chiuso al primo posto (1-1 con il Portogallo, 2-1 all’Inghilterra, 0-0 con la Svizzera), esce in semifinale.

quattordicesima edizione – 2004

In Germania quinta ed ultima (per ora) affermazione dell’Italia. La nazionale azzurra, dopo aver chiuso il proprio girone di qualificazione al primo posto (1-2 con la Bielorussia, 2-1 alla Serbia e Montenegro, 1-0 alla Croazia), elimina 3-1 il Portogallo in semifinale e, in finale, liquida con un secco 3-0 la Serbia e Montenegro.

quindicesima edizione – 2006

In Portogallo, prima affermazione per l’Olanda. Gli orange, secondi nel girone di qualificazione (1-2 all’Ucraina, 1-1 con la Danimarca, 1-0 all’Italia), eliminano ai supplementari la Francia in semifinale (3-2) e vincono 3-0 con l’Ucraina in finale. La nostra nazionale viene eliminata ai gironi (3-3 con la Danimarca, 1-0 all’Ucraina, 0-1 con l’Olanda).

sedicesima edizione – 2007

Seconda vittoria consecutiva per l’Olanda. Dopo un girone di qualificazione tutto sommato tranquillo chiuso al primo posto (1-0 ad Israele, 2-1 al Portogallo, 2-2 con il Belgio) gli orange, in sequenza, eliminano Inghilterra in semifinale (1-1 ai tempi supplementari, 13-12 ai rigori) e Serbia in finale (4-1). L’avventura dell’Italia termina, mestamente, nella fase a gironi chiusa al terzo posto (0-1 con la Serbia, 2-2 con l’Inghilterra, 3-1 alla Repubblica Ceca).

diciassettesima edizione – 2009

In Svezia, prima affermazione per la Germania dopo la caduta del muro di Berlino. I tedeschi, secondi nella fase a gironi (0-0 con la Spagna, 2-0 alla Finlandia, 1-1 con l’Inghilterra), eliminano l’Italia in semifinale (1-0) e con un 4-0, in finale, battono l’Inghilterra.

diciottesima edizione – 2011

E’ il turno della Spagna. In Danimarca le furie rosse, in finale, hanno la meglio della Svizzera (2-0 il risultato finale). Cammino quasi perfetto nella fase a gironi chiuso al primo posto (1-1 all’Inghilterra, 2-0 alla Repubblica Ceca, 3-0 all’Ucraina), vittoria 3-1 ai supplementari con la Bielorussia in semifinale. Per la prima volta, ed unica fino ad ora nella storia dei Campionati Europei, l’Italia non prende parte alla fase finale.

diciannovesima edizione – 2013

In Israele quarto titolo per la Spagna. Gli iberici, in finale, battono 4-2 l’Italia. Cammino perfetto fino all’ultimo atto: primi nella fase a gironi ( 1-0 alla Russia, 1-0 alla Germania, 3-0 all’Olanda), 3-0 alla Norvegia in semifinale. L’avventura della nostra nazionale, come detto precedentemente, termina con una sconfitta in finale: in precedenza, primo posto nel girone di qualificazione (1-0 all’Inghilterra, 4-0 ad Israele, 1-1 con la Norvegia), 1-0 all’Olanda in semifinale.

ventesima edizione – 2015

Nell’ultima edizione disputata in Repubblica Ceca, primo titolo per la Svezia. Dopo un girone di qualificazione chiuso al secondo posto (2-1 all’Italia, 0-1 con l’Inghilterra, 1-1 con il Portogallo), gli scandinavi eliminano Danimarca in semifinale (4-1) e battono 4-3 ai rigori il Portogallo (0-0 nei tempi regolamentari). Negativa l’avventura dell‘Italia, terminata mestamente ai gironi (1-2 con la Svezia, 0-0 con il Portogallo, 3-1 alla Svezia).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.