F1 – Rosberg è campione. Le classifiche

240

Abu Dhabi (UAE) – Ultima tappa del Mondiale di Formula 1 2016, 21esimo appuntamento della stagione. Rosberg in gestione, Hamilton in attacco per cercare la zampata che gli permetterebbe di mettere le mani sul suo 4° titolo iridato.

Pronti via, è subito contatto tra Max Verstappen e Nico Hulkemberg. E’ il golden boy olandese ad avere la peggio, si gira e riparte ultimo. Sospiro di sollievo per Rosberg, il pericolo principale per il suo mondiale è in fondo al gruppo, ma le ultra-soft (viola) montate da Mercedes e Ferrari si deteriorano in fretta e inizia il valzer dei pit-stop. Verstappen inizia la sua rimonta senza rientrare ai box, grazie alle super-soft (rosse). Ovviamente Rosberg al rientro in pista si ritrova in scia a Max. Il suo incubo, ciò che più temeva si sta materializzando, coincidenza incredibile di una regia superiore.

In casa Ferrari intanto si diversificano le strategie, subito ai box Raikkonen, pit ritardato per Vettel che passa momentaneamente in testa.

Il passo gara di Hamilton non è irresistibile, la sua intenzione è quella di mantenere compatto il gruppo per creare problemi a Rosberg, ma il tedesco tira fuori gli attributi e con un una grinta ritrovata sorpassa Verstappen con una manovra mozzafiato e si accoda nuovamente al compagno.

Ultimo stint di gara pazzesco per Vettel, con gomme fresche e ritmo indiavolato passa con cattiveria le due Red Bull e si piazza dietro alle due Mercedes. Forse la possibilità di attaccare Rosberg c’era, ma col senno di poi Sebastian si accontenta di un ottimo terzo posto e lascia il destino del Mondiale in mano ai protagonisti.

Grande gioia per il neo campione del Mondo, Rosberg raccoglie finalmente i frutti di 6 anni di lavoro, l’evoluzione di un team e di una macchina pazzesca, prima compagno di Schumacher, poi di Hamilton che arrivato come una star nel team ha relegato nei panni dell’eterno secondo il buon Nico. Rivincita strameritata, rivincita figlia di un processo di maturazione completato, sia in pista che fuori. Durante tutta la stagione Rosberg è sempre stato sul pezzo, ha sempre saputo controbattere colpo su colpo la superiorità di Hamilton.

Motori spenti e tutto azzerato, il 2017 partirà con nuovi regolamenti, soprattutto a livello aerodinamico. La Mercedes resta comunque in una posizione di vantaggio, ma Red Bull e Ferrari (che vantano due capo progetto del calibro di Adrian Newey e Rory Byrne) non resteranno certo a guardare e cercheranno qualche soluzione innovativa.

Ci concediamo un po’ di riposo, con l’occhio comunque sempre vigile sulla Formula 1, appuntamento su Destrosecco dopo i test invernali a Barcellona, dal 27 febbraio.

LE CLASSIFICHE PILOTI E COSTRUTTORI DEL 2016:

classpiloti2016

classteam2016

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.