Formula 1 – Le pagelle del Gran Premio del Canada

208
La Ferrari di Vettel
Ferrari formula 1 2016

Nel Gran Premio del Canada, relativo alla Formula 1, brillante vittoria di Hamilton, che si è visto però avvicinare in maniera considerevole dalla rossa di Vettel.

La Formula 1 questo week-end ci ha regalato la giusta suspance, con tattiche diverse, difese estreme e l’incombenza della pioggia. Ma come si sono comportati i piloti presi ad uno ad uno?

Hamilton 9 – Mai domo, non molla niente dal primo all’ultimo giro, inanellando giri record su giri record. Unica pecca, la falsa partenza che gli è costata la posizione su Vettel.

Vettel 8 – Razzo missile al via, spreme la sua Ferrari all’inverosimile, prendendo ben più di qualche rischio, sbagliando per tre volte l’ultima curva.

Bottas 7 – Zitto zitto, ha saputo approfittare di errori e inconvenienti altrui per salire sul podio.

Verstappen 8,5 – La sua difesa pulita negli ultimi giri su Rosberg, ha dimostrato come questo giovincello abbia più maroni di certi suoi colleghi.

Rosberg 5 – Perde tutti gli ingaggi più duri di giornata, con Hamilton al via e con Verstappen poi. Intanto Hamilton si avvicina e lui sembra tornare a soffrire della sindrome dell’eterno secondo.

Raikkonen 5 – Totalmente anonimo.

Ricciardo 5 – Grande qualifica, ma si scioglie in gara già dalla partenza.

Hulkenberg 6 – Primo dei doppiati, ma anche primo dei team di seconda fascia.

Sainz jr. 6,5 – L’incombenza di Verstappen non c’è più, e lo spagnolo viaggia a mente libera, partendo dalla ventesima piazza e portando punti alla sua scuderia.

Perez 6 – Ultimo a punti. Senza lode e senza infamia.

Alonso 6,5 – Sempre difficile arrivare al traguardo con la McLaren, ma cresce piano piano. Passo indietro rispetto a Monaco.

Kvyat 4 – Niente da fare, la mazzata del Gran Premio di Spagna è stata troppo per lui. Rischiamo fortemente di non vederlo nella Formula 1 del futuro.

Gutierrez 6 – Passi indietro per la Haas, ma lui non ne ha colpe.

Grosjean 4 – Il pilota francese capisce che le bandiere blu indicano una vettura in fase di doppiaggio, oppure pensa che sia sinonimo di: “Non farlo passare, se possibile buttalo fuori”?

Ericsson 6 – Ha poche colpe per la continua debacle della Sauber.

Magnussen 5 – In difficoltà già dal sabato con semi-distruzione della vettura, dopo contatto sul muro, non riesce a rimontare in gara.

Werhlein 6,5 – Guida una Manor che quest’anno è leggermente più competitiva, ma lui ci mette del suo per farla andare più forte.

Nasr 4,5 – Ok, la Sauber non va, ma lui sembra piazzato lì, giusto per esserci.

Haryanto 5 – Per la serie: “Allora una Formula 1, la posso guidare anche io!”

Massa 6,5 – Se non avesse avuto problemi dalla sua Williams, il podio era un affare a due con Bottas.

Palmer 4 – Non vede mai bandiere a scacchi, rivogliamo Pastor.

Button 6 – Ha visto più grigliate in questo week-end che in tutta la sua vita.

 

Si torna in pista venerdì con il Gran Premio d’Europa (?) a Baku, in Afghanistan. Esordio per il nuovo circuito cittadino che metterà alla prova i piloti con lunghi rettilinei e una serie di curve chiuse interessanti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.