Frosinone – Juve: Ronaldo e la quinta meraviglia della Signora

438

Frosinone-Juve: e  sono cinque

Juventus che comincia molto piano con una formazione rinnovata che vede il solito Ronaldo affiancato da Rugani al posto di Bonucci, Emre Can al posto dell’infortunato Kedhira, Bentancur al posto di Matuidi e Dybala al posto di un Bernardeschi in forma strepitosa.

Frosinone tosto ed orgoglioso

Un primo tempo finito a reti bianche e senza episodi di rilievo tolti un tiro di Ronaldo salvato sulla linea ed una punizione tirata non benissimo sempre da CR7; questo per merito di un Frosinone gagliardo sempre pronto alle ripartenze e che ha lasciato davvero pochi spazi ai bianconeri grazie ad un centrocampo molto folto che rientrava in difesa creando due linee strettissime quasi impossibili da superare e che hanno arginato la manovra juventina apparsa un po’ lenta capace di creare davvero pochissime occasioni.

Monologo Juve

Secondo tempo cominciato nel segno della Juve con subito un tiro finito di poco fuori da parte di Bentancur. Anche se fino al 55° il secondo tempo sembra sulla falsariga del primo, lento e molle. La svolta arriva con l’ingresso di Bernardeschi al posto dell’uruguagio con la Juve che alza il ritmo; ne è riprova l’azione partita da Chiellini sulla sinistra con appoggio di Bernardeschi a Cristiano che spara alto. Monologo infinito dei bianconeri che non riescono, però, a penetrare la muraglia umana dei ciociari, bravi a chiudere tutti gli spazi.

Al 69° Allegri decide l’ingresso di Cancelo, al posto dello stantuffo Cuadrado, che regala subito una “trivela” al bacio per la zuccata di Mandzukič alta di poco.

Ma è sempre Bernardeschi a fare da mattatore con un’azione quasi pazzesca che finisce con un tiro fuori. Questo giocatore è definitivamente maturato e la Juve farà molta fatica a lasciarlo fuori.

Finalmente il goal

Ma al 80° ecco il goal dell’uomo più atteso dopo un’azione insistita di Pjanic che tira e, grazie ad una deviazione, la palla arriva a Ronaldo che insacca sicuro tra le proteste del Frosinone per un presunto fuorigioco dimostratosi inesistente.

Vantaggio decisamente meritato visto il gioco macinato dai Campioni d’Italia che si spingono oltre e vanno a segno con un grandioso Bernardeschi autore del 2 a0.

La quinta è servita. Rendiamo onore al Frosinone autore di una partita tosta e ordinata persa per via della caratura tecnica nettamente superiore dei bianconeri.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.