Fuga vincente di Aleksej Lutsenko alla Vuelta

349

VUELTA A ESPANA – Con il benestare del gruppo, sempre guidato dal Team Sky, la fuga di giornata a 17 va in porto con il successo del kazako Lutsenko

Al termine di una frazione piuttosto noiosa nella Comunitat Valenciana, il kazako Aleksej Lutsenko ha colto un prestigioso successo di tappa dopo aver via via distanziato i compagni di fuga della prima ora. Il gruppo, condotto costantemente dal Team Sky di Chris Froome, ha desistito dall’inseguimento ed in breve il vantaggio dei 17 si è dilatato fino a 7’30”, un margine impossibile da recuperare nel finale quando, finalmente, anche i big si sono dati battaglia. Gli ultimi ad arrendersi alla progressione del portacolori dell’Astana sono stati Merhawi Kudus poi terzo ed un sorprendente Marco Haller, finito sesto su un terreno non certo adatto alle sue caratteristiche.

Le uniche emozioni di giornata nel chilometro conclusivo, dove l’ascesa finale presentava pendenze arcigne, fino al 20%. Froome in maglia rossa ha dimostrato di star bene e, soprattutto di avere a supporto un fenomenale Gianni Moscon, resistendo così all’attacco portato da Esteban Chaves e Alberto Contador, mentre sono sembrati più in difficoltà Fabio  Aru e Vincenzo Nibali che hanno perso secondi preziosi.

SEMrush

Ordine di arrivo 5^ tappa

Rivedi qui il racconto e l’ordine di arrivo della 4^ tappa >>> Volata regale di Matteo Trentin a Tarragona

6^ Tappa: Vila-Real – Sagunt (km 204.4)

Altra frazione di media montagna particolarmente adatta ad attacchi da lontano che, se l’atteggiamento dei leader sarà lo stesso di oggi, avranno ottime chance di successo. Sono ben 5 i gran premi della montagna disseminati lungo gli oltre 200 chilometri della tappa, ma solo l’ultimo (Puerto del Garbì, 2^ cat.) propone pendenze abbastanza impegnative con i due chilometri intermedi al 12,5% di pendenza media. Tuttavia, anche questa salita difficilmente farà la selezione, visto che dallo scollinamento mancheranno ben 36 chilometri all’arrivo e ci sarà tutto il tempo per recuperare il terreno perduto.


Foto di Tim De Waele / TDWSports tratta dal sito www.cyclingnews.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.