Genoa, dove eravamo rimasti?

292
Ah si! Al 27′ del primo tempo di Genoa-Fiorentina con il risultato ancora fermo sullo 0-0 ma con il grifone in pieno dominio ed in grado di andare più volte vicino al vantaggio. I rossoblu hanno ripreso da dove avevano lasciato e, alla terza occasione della “nuova” partita, hanno trovato il goal con Lazovic. A Genova si è soliti dire “San Giovanni non fa inganni” e così è stato, o, se preferite, “è stato dato a Cesare quel che era di Cesare“. Proverbi a parte, il Genoa ieri sera ha avuto diverse conferme importanti. La prima è che il grifone non solo è in grado di battere chiunque ma anzi si esalta contro le grandi (vittorie con Juve, Milan e Fiorentina, pareggio con il Napoli e sconfitta assolutamente immeritata contro l’Inter), conquistando in casa 16 dei 23 punti totali (una consuetudine per il Vecchio Balordo).
Contro la Fiorentina è arrivato il primo goal italiano di Lazovic, un giocatore completamente diverso da quello impaurito e spaesato visto nella passata stagione. Il serbo è un treno sulla fascia e spesso diventa imprendibile per gli avversari; nelle ultime partite, inoltre, sta mostrando importanti miglioramenti  anche dal punto di vista difensivo ed è diventato un giocatore fondamentale nell’undici di Juric.
Contro i Viola il grifone ha dimostrato ancora una volta di avere nella difesa il proprio punto di forza: Izzo, Burdisso e Munoz costituiscono probabilmente la terza linea più forte della recente storia rossoblu, specie considerando che alle loro spalle c’è un fenomeno come Mattia Perin.  Il capitano è come il vino e negli anni sembra migliorare, per il napoletano ho terminato gli aggettivi (basta guardare il numero che si è inventato sul finire di partita per capire di che pasta è fatto) mentre Munoz continua a dimostrare che se sta bene fisicamente diventa insuperabile. Salvo infortuni e squalifiche, per gli altri difensori, a mio avviso, non ci saranno spazi: a questi tre giocatori è sinceramente impossibile rinunciare.
Domenica sera a Genova arriva il Palermo, un importante banco di prova per i rossoblu che hanno dimostrato di faticare molto di più contro le piccole (vedi Empoli, Pescara e Udinese). Tre punti darebbero un grande slancio per il campionato del grifone e permetterebbero di passare il Natale in un’ottima posizione di classifica.
Fonte immagine: Calciomercato.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.