Genoa: quadrato, pratico, buono

341

Quattro punti in due partite: uno scontro diretto vinto e un punto ottenuto contro una delle migliori compagini della serie A.

Genoa: C’è poco da dire, la cura Ballardini ha avuto effetti immediati sul Genoa.
Senza stravolgere nulla il Balla ha dato equilibrio ad una squadra che adesso ha finalmente una sua logica e, considerati gli ultimi mesi, questo è già un primo successo.

Pochi ma significativi cambiamenti

Sono stati essenzialmente due i cambi operati dal tecnico nell’undici di base rispetto al suo predecessore: Spolli e Pandev.
Il primo si è dimostrato molto più affidabile di Rossettini in queste prime due uscite contribuendo a dare maggiore solidità ad un reparto apparso sempre in difficoltà nei primi mesi della stagione. Il macedone invece è stato preferito a Lapadula, ancora a corto di condizione.
L’attacco mobile, completato da Taarabt, si è dimostrato molto efficace a Crotone, meno con la Roma ma ha dato molto sostegno al centrocampo in fase di non possesso.
Tra i meriti di Ballardini c’è quello di aver riportato i giocatori a disputare partite sui propri livelli di competenza: in particolare Bertolacci e Laxalt sembrano essere tornati quelli ammirati già in passato con la maglia del grifone.
Il centrocampo composto da Veloso, Rigoni e l’ex milanista è sembrato, grazie a qualche accorgimento tattico, molto più equilibrato di quanto visto fino a venti giorni fa.

Lapadula, primo (auto)goal

Lapadula contro la Roma si è sbloccato su rigore ma l’atteggiamento rabbioso mostrato nei confronti della gradinata è stato fuori luogo considerate le sue prestazioni viste finora e l’appoggio che ha ricevuto fin qui dai tifosi.
In questi primi mesi con la maglia del Genoa, il numero 10 ha pagato una condizione fisica a dir poco deficitaria ma inimicarsi i sostenitori del grifone potrebbe non rappresentare un’ottima scelta per il futuro.

Salvezza, ora si può

La strada per la salvezza è ancora lunga ma adesso appare meno in salita per un Genoa con pochi fronzoli che ricorda il famoso motto della cioccolata Ritter Sport: quadrato, pratico, buono.
Già, è bastata una disposizione tattica più assennata per rendersi conto che il grifone ha i valori individuali necessari per soffrire molto meno di quanto non dica l’attuale classifica.
Fonte immagine: PianetaGenoa1893.net

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.