Nel giorno di Dennis, un grande Yates conserva la maglia rosa

287
Dennis a Rovereto

GIRO D’ITALIA – Dennis vince la crono di Rovereto, dove Yates si difende alla grande. Un po’ sotto le aspettative sia Dumoulin che Froome

Per tutta la scorsa settimana Simon Yates ha ripetuto quanto temesse la cronometro individuale Treno-Rovereto. Faceva bene, perché un tracciato come quello odierno ed una distanza così importante, avrebbero potuto riscrivere la classifica generale. Quello che invece il capitano della Mitchelton-Scott ometteva di dire è che con la condizione che si ritrova, avrebbe anche lui detto la sua quest’oggi. Alla fine il britannico paga solo 1’37” ad un grande specialista come Rohan Dennis, il vincitore della tappa a 51.300 km/h di media, ed appena 1’15” all’avversario dichiarato, quel Tom Dumoulin (campione del mondo in carica della cronometro), sembrato oggi stanco e sotto tono, tanto che nella classifica di giornata è superato anche dal redivivo Tony Martin, secondo. Chris Froome ottiene il 5° posto e recupera tre posizioni in classifica, dalla settima alla quarta, ma il distacco in classifica dal connazionale (3’50”) appare difficilmente colmabile.

Insomma, la tappa la vince Dennis, ma può festeggiare anche Yates, che ora, anziché attaccare come temeva, potrà gestire il vantaggio di quasi un minuto sulla “Farfalla di Maastricht” nel corso delle tre tappe alpine che tra giovedì e sabato decideranno il Giro.

SEMrush

16^ Tappa: Trento – Rovereto (km 34.2) ITT

17^ Tappa: Riva del Garda – Iseo (km 155)

Tappa mossa altimetricamente nella prima parte e sostanzialmente pianeggiante nella seconda. Da Riva del Garda partenza in salita fino a Molina di Ledro e Bezzecca per scendere verso il Bresciano dove si supera il GPM di Lodrino: un paio di discese impegnative portano in Franciacorta. Primo passaggio sulla linea del traguardo di Iseo e circuito finale di 23.9 km piuttosto impegnativo, anche se il finale è completamente pianeggiante. Una tappa che probabilmente vedrà l’arrivo vittorioso di una fuga da lontano, visto che sarà estremamente difficile per le squadre dei velocisti tenere chiusa la corsa su un percorso così tecnico.


Foto Bettini tratta dal sito www.cyclingnews.com

Previous articleArrivederci Maestro
Next articleBuffon vali per tre – Non ci sarà mai più uno come te
Impiegato e padre di famiglia, perdo ancora tempo come blogger ed eterno aspirante giornalista: dopo aver scritto per Il BiancoNero Magazine e la Federazione Italiana Sostenitori Squadre di Calcio, da settembre 2014 sono nella redazione zona sport di Tifo Blog. Recentemente ho aperto il blog Cesena Mio (www.cesenamio.it) e talvolta mi si può ascoltare come opinionista sportivo a UniRadio Cesena. Oltre all'amato Cesena calcio, seguo con immensa passione il ciclismo professionistico ed il rugby union, sport dei quali ho scritto per anni su Facebook, nonché sui siti web chorse.it e freeforall.it.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.