A sorpresa, la prima maglia rosa del Giro d’Italia è dell’austriaco Postlberger

307
Lukas Postlberger - Olbia

GIRO D’ITALIA – Subito una grande sorpresa nella 1^ tappa Alghero-Olbia: vince l’austriaco Lukas Postlberger che anticipa la volata del gruppo

Il finale che non ti aspetti nella 1^ tappa del Giro d’Italia 2017, l’edizione numero 100 della corsa rosa. Vince infatti un outsider, che forse non è nemmeno quello, visto che Lukas Postlberger (Bora Hansgrohe) si è ritrovato inaspettatamente proiettato in un sogno: vincitore di tappa (superfluo aggiungere che si tratta della vittoria più prestigiosa della sua breve carriera) e, soprattutto, prima maglia rosa di questa edizione. Il giovane austriaco (a proposito, è anche la prima maglia rosa per il paese alpino) si trova davanti a tutti all’ultimo chilometro, quasi senza rendersene conto, e, incredulo, tira dritto incitato dal direttore sportivo attraverso la radiolina: finisce in trionfo per il giovane portacolori della Bora Hansgrohe (la squadra dell’assente Peter Sagan campione del mondo) che sul traguardo alza le braccia e si lascia andare al più bel sorriso della sua vita !

Merito suo, ma anche “colpa” delle squadre più forti che dovevano lavorare per il proprio capitano di giornata, certamente un velocista, visto il percorso sostanzialmente pianeggiante di oggi (Greipel, Ewan, Gaviria). Ed invece, dopo aver prima controllato e poi neutralizzato un lunghissimo tentativo di fuga di 5 uomini (tra i quali un bravissimo Cesare Benedetti che ha vinto i tre gpm di giornata), il gruppo si fa sorprendere dalle due tortuose curve piazzate all’interno dell’ultimo chilometro e così il giovane austriaco, che si trovava davanti solo per tirare la volata a Sam Bennett, si ritrova alcune decine di metri di vantaggio che, incredibilmente, riesce a conservare fin sul traguardo dimostrando ottima gamba. A quel punto la volata vale solo per i piazzamenti e la rabbia, con Caleb Ewan a precedere André Greipel, con gli italiani più indietro, nelle posizioni di rincalzo. Grande gioia per la formazione tedesca, con la vittoria e la maglia rosa di Postlberger e la maglia azzurra conquistata da Benedetti. Al termine di una tappa resa “nervosa” dal vento e dal percorso ondulato senza vera pianura, la classifica subisce subito qualche piccolo assestamento, visto che i rallentamenti nel finale aprono dei “buchi” che i cronometristi rilevano prontamente e che costano secondi a uomini importanti come Steven Kruijswijk e Pierre Rolland, mentre i favoritissimi Vincenzo Nibali e Nairo Quintana, ben coadiuvati dai compagni, chiudono con lo stesso tempo del vincitore e scampano il pericolo. Questo l’ordine di arrivo della 1^ tappa Alghero – Olbia (km 206)

2^ Tappa Olbia – Tortolì (km 221)

Domani un’altra tappa insidiosa, con la carovana che viaggerà da Olbia verso sud attraverso l’entroterra della Provincia di Nuoro (in città gpm di 3^ cat.). E’ una frazione adatta alle fughe ed agli attacchi da lontano, ma qualche squadra che dispone di velocisti resistenti sulle salite potrebbe cercare di tenere a ragionavole distanza il tentativo per riportarsi sotto nei chilometri conclusivi, dopo la salita di Genna Silana (gpm 2^ cat.), piuttosto lunga ma non troppo impegnativa. Il finale è completamente pianeggiante e non si correranno gli stessi rischi di oggi, visto che il traguardo è posto a Tortolì, al termine di un lunghissimo rettilineo di 2 chilometri.


Immagine di copertina di Tim De Waele / TDWSports.com tratta dal sito www.cyclingnews.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.