Il calciatore più’ discusso di Spagna e forse del mondo….GERARD PIQUE’

297

Perché Gerard Piquè, come uomo e non calciatore non può esporsi sull’indipendenza catalana? Siamo, dunque, in un epoca dove il giocatore è solo star miliardaria?

Per chi conosce ed ama il calcio Piquè non ha bisogno certo di presentazioni: catalano, cresciuto nel Barca, dopo una parentesi di quattro anni al Manchester UTD è tornato a casa per vincere tutto sia con il club che con la nazionale.

Piquè, però, al momento si trova coinvolto in un caso spinoso e non per le sue performance sportive, né amorose (sta con Shakira, che invidia ….)!

Piquè è un calciatore, ma anche un uomo. Ha delle opinioni ed ha scelto di esprimerle pubblicamente….

SEMrush

Tanti calciatori si fanno selfie con auto sportive, tanti fanno pubblicità anche a siti di scommesse, tanto sventolano in giro tette e culi della conquista della settimana…. Lui si è esposto pubblicamente per un grave problema politico che riguarda la sua terra e la sua gente. Ha soltanto espresso un’opinione (sia chiaro che non è finalità di quest’articolo entrare nel merito di una questione spinosa).

Ma per questa suo esporsi sta pagando un prezzo alto!

Nell’ultimo Spagna – Italia a Madrid è stato fischiato da tutto lo stadio e dopo la sua posizione per il referendum del 1 ottobre in Catalogna (ha votato e invitato a votare il popolo indipendentista) la situazione è degenerata.

Sia l’allenatore che il capitano Sergio Ramos della nazionale hanno dichiarato che non bisogna mischiare calcio e politica, poiché si alimenta una tensione che potrebbe spaccare lo spogliatorio…

Il difensore blaugrana ha dichiarato tranquillamente che è catalano, ma se a nessuno dà fastidio, si sente di giocare per la Spagna.

PIQUE’: UN SESEMPIO DI MORALE COERENTE COME CASZELY

Ma il punto che volevo sottolineare è proprio quello morale: perché un calciatore non può prendere posizione su tematiche importanti?

Viviamo in un mondo dove è nato il mestiere di blogger, l’opinionista, il web-editor e lo youtuber. La libertà di parola non viene più negata da almeno cinquant’anni, ironia e spiritosaggini d’ogni tipo. Un calciatore, che è ormai sempre più una social star, dovrebbe restare nel suo mondo dorato di miliardi e modelle?  Non può esprimere un proprio pensiero su una situazione politica seria, per giunta strettamente legata alla sua terra?

Ovviamente non sono assolutamente d’accordo… Anzi avercene di calciatori così…che si schierano, che hanno idee, che si preoccupano di altro oltre che del giochino con cui si arricchiscono.

Attori e cantanti possono prendere posizione su tutto… poi al cine o al concerto li applaudi o fischi per le loro performance…. Perché la stessa cosa non vale per Piquè… davvero non lo capisco!

Tra l’altro nel passato ci sono stati tanti, ma tanti calciatori che si sono schierati da una parte e mai hanno ricevuto le critiche dai loro stessi compagni di nazionale come Piquè….

Uno per tutti il mitico Carlos Caszely , attaccante idolo cileno, che si rifiutò di stringere la mano al dittatore Pinochet.

PIQUE’: NON SOCIAL STAR, MA PALLONE D’ORO AD HONOREM

Ad un calciatore o debbo già dire a una social fashion star, io preferirò sempre uno come Piquè , che in campo da tutto per chiunque giochi, Barca, Manchester UTD e nazionale spagnola…. Ma  non dimentica che non solo è un uomo, ma per la sua gente un simbolo… E quindi è libero di battersi per quello che ritiene giusto, anche fuori dal campo.

La partita finisce al novantesimo, ma la vita no…. E Piquè lo sa.

Pallone d’oro ad honorem e grande uomo

Tutta la mia stima a Gerard Piquè

A cura di Antonio Conca

 

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.