Il pagellone rossonero: se non ti lecchi le dita, godi solo a metà

807
derby

Proprio così, godi solo a metà. Il motivo? Beh, se non chiudi le partite…

Ci risiamo, nuovo corso, vecchia storia. Inutile nascondersi dietro al tanto acclamato “bel giuoco”. Siamo una squadra a metà e così rimarremo per tutto l’anno. Salvo stravolgimenti.

Milan e Atalanta non vanno oltre il punteggio di 2 a 2. Per essere precisi, il Milan non “ammazza ” la partita sbagliando gol e sprecando occasioni ghiotte nella prima frazione.

Alzi la mano chi non si era esaltato nella prima frazione, per poi iniziare a sentire, visto il mancato raddoppio, la classica sensazione che le cose non si sarebbero concluse positivamente.

Io per primo dopo i primi quindici, venti, minuti, ero contento. Soddisfatto di gioco ed atteggiamento. Con il materializzarsi però di errori sotto porta e di fraseggio man mano che i minuti passavano, vecchi spettri si affacciavano all’orizzonte. Paura e incertezza stavano lentamente prendendo possesso dei nostri. Possesso che si è materializzato e pienamente concretizzato durante la ripresa.

E’ bastato inserire un giocatore più fisico come Zapata, che tutta la nostra retroguardia è andata in tilt. Il motivo? Ce la facciamo sotto. E di brutto anche ragazzi. Così, credetemi non si andrà da nessuna parte. Siamo  il Milan ,abbiamo una tradizione, la storia, i dirigenti e menate varie. Tutto molto bello. Peccato che poi in campo ci vadano sempre i soliti da tre anni a questa parte. Certo, abbiamo Higuain che segna, va bene, se però poi ne prendiamo sempre due a partite, avere Higuain è come avere una macchina sportiva e non avere i soldi per farle benzina. Bello eh?

Anche Gattuso ha le sue colpe

Gattuso ha il pallino della situazione? O no?

Qui casca l’asino. Iniziano a esserci troppi indizi. Le partite, Gattuso, le sa sì leggere, ma mai modificare. Gli è andata bene solo contro la Roma, per il resto, tutte le modifiche a partita iniziata han portato sconfitte oppure nessun cambiamento.

Mi spiegate che senso ha avuto levare un Bonaventura in stato di grazia al 68esimo per inserire il giocatore più enigmatico di questa campagna acquisti? Bakayoko per Bonaventura è una bestemmia. Non ci sono alibi. Stesso discorso per Castillejo, va a corrente alternata, si vede che è fuori fase e, se proprio vuoi inserirlo, non farlo al 90esimo.

In difesa ragazzi facciamo acqua da tutte le parti. Siete ancora sicuri che Bonucci fosse scarso? Sicuri sicuri? Certo, la simpatia non è il suo forte,  ma il modo in cui guidava il reparto nella seconda parte di stagione, non ha nulla a che vedere con il rendimento di Musacchio. Caldara non mi esprimo, nemmeno lo fa giocare il nostro Mister. Lui ha le sue amicizie, come Abate che non si capisce che Diavolo ci faccia ancora in campo. Basta ragazzi, io non ho più voglia di aspettare il miracolo, la svolta o altri incantesimi. Io voglio gente pronta, gente esperta e da Milan. Smettiamola di essere la rampa di lancio per i neofiti. Son quasi dieci anni che stiamo provando vecchie glorie. Siamo pazzi. Tentiamo di cambiare i risultati ripercorrendo sempre le medesime azioni. Lo sapete che questa è l’anticamera della follìa, vero?

Questo  lo dico nonostante mi pianga il cuore, ve lo assicuro, ma gli errori son troppi, la paura è esagerata e i risultati non ci sono. Che facciamo? Attendiamo ancora? Ma sì, tanto a noi basta dare in mano il Milan ai milanisti, vero? Che tristezza. Io non sto dicendo che è tutta colpa di Gattuso, ma una bella fetta, sì. Tutto  sta al grado di pazienza e a quanto si son detti Mister e dirigenza. Può essere che questi passi falsi fossero preventivati, allora va bene, ci siamo, oppure può essere che questi inciampi stiano dando fastidio anche ai piani alti. Allora sarebbe  tutto un altro discorso e la clessidra sarebbe già voltata, con la sabbia in esaurimento per quanto riguardano le “schiocchezze” tattiche del nostro amato e osannato Ringhio a cui perdoneremmo più facilmente il fatto che di ogni partita, te ne godi realmente la metà.

Vediamo nel dettaglio come si sono comportati i nostri beniamini:

Donnarumma: 6 – Quando esce ha la retina per le farfalle. Bene invece tra i pali. DISCONTINUO

Calabria: 5 – Non è un terzino da difesa a quattro. Non difende. Lo capirebbe anche mia nonna. ESTERNO

Musacchio: 5 – Finchè deve fare la bella statuina se la cava. Nel momento di iniziare a giocare a pallone sparisce. EVANESCENTE

Romagnoli: 5,5 – Deve tamponare i danni del compagno di reparto. Si perde comunque Rigoni in occasione del pareggio iniziale. ONNIPRESENTE

Rodriguez: 6  – Strano a dirsi ma il migliore è lui. Poco appariscente ok, ma che salvataggio sulla linea. PRECISO

Kessiè: 6,5 – Sta ripercorrendo la passata stagione. Date una logica tattica a questo ragazzo. L’ordine del corri ovunque non serve e lo sta massacrando. Al sessantesimo è sempre sfatto e mai preciso. Non ha un ruolo vero. CARRO

Biglia: 5,5 – Ringhio, capisco che tu godi a vederlo in campo. Noi no. Soprattutto quando gioca a uno all’ora. Palese calo nella ripresa, andava tolto. Invece levi Jack. COMPASSATO

Bonaventura: 8 – Ira di Dio. Giustamente Gattuso che fa? Leva il migliore in campo per distacco per mettere un fantasma. Che succede? Si prende gol infatti. Esce arrabbiato, lo sarei pure io. LEADER

Suso: 7 – Questo è il Suso che mi piace. Sforna assist a ripetizione. Peccato solo Higuain e Jack lo seguano.  Infatti Rino premia Bonaventura levandolo. Pazzesco. GODIMENTO

Calhanoglu: 5 – Abulico. E’ l’ombra della passata stagione. ENIGMA

Bakayoko: 5 – Entra ma pensa di essere sul divano. ASSENTE

Castillejo: sv

Abate: 5 – Non commento, è meglio. EX

Gattuso: 4,5 – Primo tempo da 7. Il secondo, però è pesantemente insufficiente. Ennesima lettura errata del match. Ennesimi cambi sbagliati sia negli interpreti che nel minutaggio. Va bene solo la prima formazione Rino, poi fai sempre casino. Sempre. ACERBO

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.