Il Pagellone Rossonero: oltre la mano c’è di più

270
sipario

Il Milan ha vinto contro la squadra più in forma del campionato, ma si parla solo del gol di mano di Cutrone

Che gioia per Cutrone! Qui dopo il gol viziato da un tocco di mano

Si sta parlando più del tocco di mano di Cutrone, tra l’altro difficilissimo da vedere con i replay proposti, che della vera impresa che il Milan ha compiuto ieri: battere la Lazio. Una squadra che viaggia a 100 all’ora e che ha una media di 2 gol e mezzo a partita. Che possa dar fastidio un Milan che pian piano sta tornando lo capisco, ma bisogna essere obbiettivi e “dare a Cesare quel che è di Cesare”.

Alzi la mano chi si aspettava una vittoria del Milan contro questa Lazio. Io no, lo ammetto serenamente.

I miglioramenti, i passi in avanti e alcuni difetti limati li avevo notati già da qualche partita, ma non credevo che i nostri ragazzi sarebbero riusciti a fornire una prestazione perfetta, almeno per i primi 70 minuti. Pressing altissimo asfissiante e ripartenze veloci hanno messo in croce la squadra guidata da Simone Inzaghi. Solamente gli ultimi 20 minuti hanno avuto il sapore di un arrembaggio laziale, ma mai veramente pericoloso se non per l’occasione avuta da Lulic nei minuti finali. Ottima anche la respinta di Donnarumma sul colpo di testa di Savic. Per il resto lotta ad armi pari, forse a pannaggio dei Rossoneri per la prima ora, e tre punti di platino conquistati. Finalmente una squadra che ci precede in classifica e non di poco, è stata sconfitta.

Tutta la gioia di Jack Bonaventura

Chi mi ha colpito maggiormente è stato in assoluto Calabria. Partita perfetta. Zero errori e spinta alla Cafù per 90 minuti. Fosse realmente questo l’apporto che può dare alla squadra, beh, c’è di che gioire! Conti sta per tornare e finalmente avremo due veri terzini destri in rosa. C’è chi dice sarà un problema gestirli, ma ben vengano problematiche di questo tipo! Negli ultimi anni siamo sempre stati in emergenza e in difetto numerico oltre che qualitativo in quel reparto. Avere un po’ di abbondanza non farà certo male. Anche perchè a sinistra, a parte Rodriguez, non vedo alternative. Antonelli non mi ha entusiasmato ieri, e trovare un’alternativa, sarebbe una buona mossa.

Anche Calhanoglu ha disputato la miglior partita da quando è approdato al Milan, dribbling, tantissima corsa e 2 tiri velenosissimi ne certificano la rinascita.

Chi invece, nonostante i soli 25 minuti disputati, mi ha deluso ancora è Silva. D’accordo, è entrato nel momento più duro della partita. A maggior ragione, però, dimostri di avere gli attributi! Sempre molle, in ritardo ( pazzesco il tocco fallito su assist di Suso) e per niente lucido con la palla tra i piedi. Mai un uno-due, mai un dialogo coi compagni. Appena riceve palla parte come un cavallo da corsa. Dritto per dritto.

Di sicuro, come dice Gattuso, la strada è ancora lunga ed in salita. Finalmente, però, abbiamo di che gioire. Siamo sesti da soli, Roma e Samp non sono così lontane, ma sopratutto abbiamo recuperato ai Cugini Nerazzurri ben 8 punti in 7 partite. Son comunque soddisfazioni e segnali di un Milan che sta tornando a far la voce grossa e, finalmente, anche contro le “grandi” !

Vediamo, invece, come si sono comportati i nostri beniamini nel dettaglio: 

Donnarumma: 6 – Cade un po’ come un sasso in occasione del pareggio laziale. Molto bene da lì in poi. Torna concentrato e dà sicurezza al reparto. Decisiva la parata su Savic. CRESCENTE

Calabria: 7,5 – Signore e signori è lui il migliore in campo. Spinge come un matto e non fa passare nessuno. L’assist per Bonaventura è da mettere come guida per tutti i terzini. La cura Gattuso, con Davide, è meglio della pozione di Panoramix. RINATO

Bonucci: 7 – Capitano, oh capitano. E’ tornato ai suoi livelli e si vede! Con Romagnoli sta erigendo un muro sempre più spesso di partita in partita. Chi lo criticava è pregato di far mea culpa. MAESTRO

Romagnoli: 7,5 – Il migliore della retroguardia con Calabria è lui. Mette una pezza per tutto e tutti e non sbaglia un colpo. Cresce anche fisicamente e si vede. ALLIEVO

Antonelli: 5,5 – Mi dispiace, ma è una vecchia scoria del Milan che fu. Fuori posizione sul gol del pareggio laziale, non riesce poi ad incidere oltre il compitino. Attenuante unica: non giocava da tempo. FUORIGIRI

Biglia: 6,5 – Tampona da solo tutte le incursioni degli avversari. Savic è annullato per la prima ora. Dico da solo perchè Kessiè ha avuto più possibilità di avanzare proprio grazie al lavoro del nostro regista. MANOVALE

Kessiè: 7 – Il carro è tornato. Inarrestabile. Da quando Biglia è entrato in forma e gioca con lui, formano una coppia micidiale. DURACELL

Bonaventura 7 – Con Calha forma un’asse perfetta. Gol come a Doha e tre punti fondamentali. Con Calabria, da quando c’è Gattuso, non si ferma più. IL 50% dei gol son passati dai suoi piedi. CHAPEAU

Calhanoglu: 7 – Eccolo, come in Bundesliga. Con lui la palla va in cassaforte. Non ne perde una e ne recupera e palate. Due tiri al veleno, aperture perfette e tanta corsa. Che giocatore ragazzi! GENIO

Cutrone: 6,5 – Tarantolato. Gol di mano? Sì, lo ha ammesso anche nelle ore successive. Limitare la sua prestazione a questo sarebbe triste. Quanto corre, pressa e si danna lo avete visto? Non sarà bello da assistere in campo, ma che passione! INDEMONIATO

Suso: 6 – Assist al bacio sprecato da Silva. Per il resto un po’ più lucido dell’ultimo mese, ma è da troppo che non lascia il segno. Urge sveglia. ASSOPITO

Abate: 6 – Prende il posto di Antonelli e non fa danni. RINCALZO

Silva: 5 – Non ci siamo. Puoi non esser pronto per la SerieA, va bene. Ma mettici la voglia! IRRITANTE

Borini s.v.

Gattuso: 7 – Se qualcuno aveva dei dubbi spero se li sia levati. Oltre a grinta, sudore e rabbia, Ringhio, ci mette ben altro. Squadra quadrata e ordinata, ma sopratutto, ora, si riconoscono i titolari! PANORAMIX

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.